TABELLE per la stima delle quantità di bevande alcoliche allegate al Decreto 30 luglio 2008 “Disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione”

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

TABELLA PER LA STIMA DELLE QUANTITÀ DI BEVANDE ALCOLICHE CHE DETERMINANO IL SUPERAMENTO

DEL TASSO ALCOLEMICO LEGALE PER LA GUIDA IN STATO DI EBBREZZA, PARI A 0,5 GRAMMI PER LITRO

(Art. 6 del decreto legge 3 agosto 2007 n. 117 convertito in legge, con modificazioni, dall’art. 1 della legge 2 ottobre 2007 n. 160)

La tabella contiene I LIVELLI TEORICI DI ALCOLEMIA RAGGIUNGIBILI DOPO L’ASSUNZIONE DI UNA UNITÀ ALCOLICA

UNITÀ ALCOLICA DI RIFERIMENTO (in cc) (Bicchiere, lattina o bottiglia serviti usualmente nei locali)
Birra 330 cc Superalcolici 40 cc
Vino 125 cc Champagne/spumante 100 cc
Vini liquorosi-aperitivi 80 cc Ready to drink 150 cc
Digestivi 40 cc MIX sommare i componenti

I valori di ALCOLEMIA, calcolati in base al sesso, al peso corporeo e all’essere a stomaco vuoto o pieno, sono solo indicativi e si riferiscono ad una assunzione entro i 60-100 minuti precedenti

Se si assumono più unità alcoliche, per conoscere il valore di alcolemia raggiunto è necessario sommare i valori indicati per ciascuna unità alcolica consumata**

DONNE

STOMACO VUOTO

BEVANDA Gradazione

alcolica

(Vol. %)

Peso corporeo (Kg)

45 55 60 65 75 80
birra analcolica 0,5 0,06 0,05 0,04 0,04 0,03 0,03
birra leggera 3,5 0,39 0,32 0,29 0,27 0,24 0,22
birra normale 5 0,56 0,46 0,42 0,39 0,34 0,32
birra speciale 8 0,90 0,73 0,67 0,62 0,54 0,50
birra doppio malto 10 1,12 0,92 0,84 0,78 0,67 0,63
vino 12 0,51 0,42 0,38 0,35 0,31 0,29
vini liquorosi-aperitivi 18 0,49 0,40 0,37 0,34 0,29 0,28
digestivi 25 0,32 0,26 0,24 0,22 0,19 0,18
digestivi 30 0,39 0,32 0,29 0,27 0,23 0,22
superalcolici 35 0,45 0,37 0,34 0,31 0,27 0,25
superalcolici 45 0,58 0,47 0,43 0,40 0,35 0,33
superalcolici 60 0,77 0,63 0,58 0,53 0,46 0,43
champagne/spumante 11 0,37 0,31 0,28 0,26 0,22 0,21
ready to drink 2,8 0,12 0,10 0,09 0,08 0,07 0,07
ready to drink 5 0,24 0,20 0,18 0,17 0,17 0,14

STOMACO PIENO

BEVANDE Gradazione

alcolica

(Vol. %)

Peso corporeo (Kg)

45 55 60 65 75 80
birra analcolica 0,5 0,03 0,03 0,02 0,02 0,02 0,02
birra leggera 3,5 0,23 0,19 0,17 0,16 0,14 0,13
birra normale 5 0,32 0,26 0,24 0,22 0,19 0,18
birra speciale 8 0,52 0,42 0,39 0,36 0,31 0,29
birra doppio malto 10 0,65 0,53 0,48 0,45 0,39 0,36
vino 12 0,29 0,24 0,22 0,20 0,18 0,17
vini liquorosi-aperitivi 18 0,28 0,23 0,21 0,20 0,17 0,16
digestivi 25 0,20 0,16 0,15 0,14 0,12 0,11
digestivi 30 0,24 0,19 0,18 0,16 0,14 0,13
superalcolici 35 0,27 0,22 0,21 0,19 0,16 0,15
superalcolici 45 0,35 0,29 0,26 0,24 0,21 0,20
superalcolici 60 0,47 0,38 0,35 0,33 0,28 0,26
champagne/spumante 11 0,22 0,18 0,16 0,15 0,13 0,12
ready to drink 2,8 0,07 0,06 0,06 0,05 0,04 0,04
ready to drink 5 0,15 0,12 0,11 0,10 0,09 0,08
                 

** Esempi: donna, peso 45 Kg. ha assunto a stomaco vuoto 1 birra leggera ed 1 aperitivo alcolico. Alcolemia attesa: 0,39 + 0,49 = 0,88 grammi/litro;

donna, peso 60 Kg. ha assunto a stomaco pieno 2 superalcolici (60°). Alcolemia attesa: 0,35 + 0,35 = 0,70.

UOMINI

STOMACO VUOTO

BEVANDA Gradazione

alcolica

(Vol. %)

Peso corporeo (Kg)

55 65 70 75 80 90
birra analcolica 0,5 0,04 0,03 0,01 0,01 0,01 0,02
birra leggera 3,5 0,25 0,21 0,19 0,18 0,17 0,15
birra normale 5 0,35 0,30 0,28 0,26 0,24 0,22
birra speciale 8 0,56 0,48 0,44 0,41 0,39 0,35
birra doppio malto 10 0,71 0,6 0,55 0,52 0,49 0,43
vino 12 0,32 0,27 0,25 0,24 0,22 0,20
vini liquorosi-aperitivi 18 0,31 0,26 0,24 0,23 0,21 0,19
digestivi 25 0,20 0,17 0,16 0,15 0,15 0,12
digestivi 30 0,24 0,21 0,19 0,18 0,18 0,15
superalcolici 35 0,28 0,24 0,22 0,21 0,19 0,17
superalcolici 45 0,36 0,31 0,29 0,27 0,25 0,22
superalcolici 60 0,48 0,41 0,38 0,36 0,33 0,30
champagne/spumante 11 0,24 0,19 0,18 0,17 0,16 0,14
ready to drink 2,8 0,08 0,06 0,06 0,06 0,05 0,05
ready to drink 5 0,15 0,13 0,12 0,11 0,10 0,09

STOMACO PIENO

 

Gradazione

alcolica

(Vol. %)

Peso corporeo (Kg)

55 65 70 75 80 90
birra analcolica 0,5 0,02 0,02 0,02 0,01 0,01 0,01
birra leggera 3,5 0,14 0,12 0,11 0,10 0,10 0,09
birra normale 5 0,20 0,17 0,16 0,15 0,14 0,12
birra speciale 8 0,33 0,28 0,26 0,24 0,22 0,20
birra doppio malto 10 0,41 0,34 0,32 0,30 0,28 0,25
vino 12 0,18 0,16 0,15 0,14 0,13 0,11
vini liquorosi-aperitivi 18 0,18 0,15 0,14 0,13 0,12 0,11
digestivi 25 0,12 0,10 0,10 0,09 0,08 0,08
digestivi 30 0,15 0,13 0,12 0,11 0,10 0,09
superalcolici 35 0,17 0,15 0,14 0,13 0,12 0,11
superalcolici 45 0,22 0,19 0,17 0,16 0,15 0,14
superalcolici 60 0,30 0,25 0,23 0,22 0,20 0,18
champagne/spumante 11 0,14 0,11 0,11 0,10 0,09 0,08
ready to drink 2,8 0,05 0,04 0,04 0,03 0,03 0,03
ready to drink 5 0,09 0,08 0,07 0,07 0,06 0,06
                 

** Esempi: uomo, peso corporeo 75 Kg. ha assunto a stomaco vuoto 2 birre speciali. Alcolemia attesa: 0,41 + 0,41 = 0,82 grammi/litro;

uomo, peso corporeo 55 Kg, ha assunto a stomaco vuoto 1 birra doppio malto ed 1 superalcolico di media gradazione (45°). Alcolemia attesa: 0,71 + 0,36 = 1,07 grammi/litro.

AVVERTENZE PER UNA CORRETTA LETTURA DELLA TABELLA

La tabella fornisce informazioni volte a favorire una autovalutazione dei livelli di alcolemia (concentrazione di alcol nel sangue) conseguenti all’assunzione delle più comuni bevande alcoliche, lo scopo principale è quello di contribuire ad identificare o calcolare le quantità di alcol che determinano il superamento del limite legale fissato per la guida e di promuovere una guida sicura e responsabile.

A tal fine è importante sapere che:

- esiste un legame diretto tra livelli crescenti di alcolemia (concentrazione di alcol nel sangue) e rischio relativo di causare o essere coinvolti in un incidente grave o mortale;

- le alterazioni delle capacità alla guida sono direttamente influenzate dalla quantità di alcol consumata e si manifestano con l’assunzione di tutti i tipi di bevande alcoliche, senza distinzione;

- tutte le quantità di alcol, anche quelle minime o moderate, pongono l’individuo in una condizione di potenziale rischio;

- a parità di quantità di alcol consumate, individui differenti possono registrare variazioni anche notevoli nei livelli di alcolemia, in funzione del genere (con differenze tra maschi e femmine), dell’età, della massa corporea (magrezza o obesità), della assunzione o meno di cibo ( se astomaco pieno o a digiuno), della consuetudine con cui si assume alcol, della presenza di malattie o condizioni psico-fisiche individuali o genetiche, della assunzione di farmaci anche di uso comune (es. aspirina, antistaminici, anticoncezionali, antinfiammatori, antipertensivi, anticoagulanti, antibiotici, farmaci per il sistema nervoso).

Di conseguenza, a fronte delle molteplici variabili che possono influenzare il livello individuale di alcolemia, è nella pratica impossibile calcolare con precisione la quantità esatta di alcol da assumere senza superare il limite legale di alcolemia dello 0,5 grammi/litro.

Non esistono livelli di consumo alcolico sicuri alla guida.

Il comportamento più sicuro per prevenire un incidente è di evitrare di consumare bevande alcoliche se ci si deve porre alla guida di un qualunque tipo di veicolo.

NOTA BENE: i valori di alcolemia riportati non hanno una validità legale, rappresentano solo una stima della concentrazione di alcol nel sangue conseguente all’assunzione di un’unità di bevanda alcolica e forniscono un valore puramente indicativo che non può essere in alcun modo acquisito come garanzia di sicurezza e/o di idoneità psico-fisica alla guida.

ALLEGATO 3

INDICAZIONI AI TITOLARI E GESTORI DEI LOCALI

PER L’USO DELLE TABELLE DI CUI AGLI ALLEGATI N. 1 E 2 (*)

(*) Il presente allegato riporta, a titolo indicativo, alcune misure che possono essere utilmente adottate dai titolari e gestori dei locali allo scopo di favorire la lettura, la corretta comprensione e il concreto uso delle informazioni contenute nelle tabelle da parte di un numero quanto più ampio possibile di utenti, facilitando in tal modo il raggiungimento degli obiettivi di prevenzione e sicurezza cui è finalizzata la legge 160/2007.

Per un razionale uso delle tabelle è aspicabile che i titolari e i gestori dei locali adottino le raccomandazioni sottoindicate.

1. I titolari e gestori dei locali curano la riproduzione dei contenuti delle tabelle di cui agli allegati n. 1 e 2 in modo da assicurarne l’idonea lettura tramite

- l’uso di caratteri di immediata e facile leggibilità

- l’adozione di un’adeguata veste grafica

- l’uso funzionale del colore per facilitare la corretta comprensione dei contenuti

- l’adozione di formati adeguati ad una facile lettura, anche in rapporto alla collocazione delle tabelle nello spazio

- l’inserimento di immagini o simboli ove ritenuto opportuno per facilitare una comprensione immediata e intuitiva dei contenuti delle tabelle.

2. I titolari e gestori dei locali assicurano, nell’ambito delle postazioni previste dalla legge (all’entrata, all’interno e all’uscita del locale) la piena visibilità e leggibilità delle tabelle tramite

- l’idonea collocazione nello spazio

- l’idonea illuminazione

- una facile accessibilità da parte dei possibili fruitori e una idonea distanza atta a consentirne una corretta lettura

- specifiche segnalazioni, grafiche, luminose o di altra natura, che ne evidenzino la postazione.

3. I titolari e i gestori dei locali informano il personale operante nei locali, e in particolare quello addetto alla somministrazione di bevande alcoliche, sulla disponibilità, la finalità e il corretto uso delle tabelle, al fine di promuovere negli stessi:

- la sensibilità alla somministrazione responsabile delle bevande alcoliche;

- la disponibilità ad essere di ausilio per una corretta lettura delle tabelle;

- la collaborazione per la sensibilizzazione degli utenti sull’importanza di leggere le tabelle e di adottare i comportamenti suggeriti dai contenuti delle stesse.