DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

                                                           per la riforma della giustizia.

 Consiglio dei Ministri: 10/03/2011

Proponenti: Presidenza

같같같같같같같같같같같같같같같같같같같같같같같같같

Art. 1

(Programmi per la gestione del contenzioso civile pendente)

1. I presidenti di tribunale e di corte d뭓ppello, sentiti i presidenti dei locali consigli dell뭥rdine degli avvocati, entro il 31 gennaio di ogni anno redigono un programma per la gestione del contenzioso civile pendente e per l뭓ttuazione nel settore civile del principio di ragionevole durata del processo di cui all뭓rticolo 111 della Costituzione.

2. Con il programma di cui al comma 1, il capo dell뭫fficio giudiziario determina:

a) gli obiettivi di riduzione della durata dei procedimenti civili contenziosi concretamente raggiungibili nell뭓nno in corso;

b) gli obiettivi di rendimento dell뭫fficio, tenuto conto dei carichi esigibili di lavoro dei magistrati individuati dal Consiglio superiore della magistratura, sentito il Ministro della giustizia;

c) l뭥rdine di priorit nella trattazione dei procedimenti pendenti, individuati secondo criteri oggettivi ed omogenei che tengano conto della durata della causa, anche con riferimento agli eventuali gradi di giudizio precedenti, e in subordine della natura e del valore della stessa, e dell뭓dozione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, in attuazione dei principi previsti dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni.

3. Con lo stesso programma di cui al comma 1 viene dato atto dell뭓vvenuto conseguimento degli obiettivi fissati per l뭓nno precedente o vengono specificate le motivazioni del loro eventuale mancato raggiungimento.

4. Il capo dell뭫fficio giudiziario vigila sul raggiungimento degli obiettivi e sul rispetto delle priorit indicate nel programma.

5. I programmi previsti dal presente articolo sono comunicati ai locali consigli dell뭥rdine degli avvocati e sono trasmessi al Consiglio superiore della magistratura per essere valutati ai fini della conferma dell뭝ncarico direttivo ai sensi dell뭓rticolo 45 del decreto legislativo 5 aprile 2006 n. 160.

Art. 2

(Convenzioni per la formazione professionale negli uffici giudiziari)

1. In relazione alle concrete esigenze organizzative dell뭫fficio, i capi degli uffici giudiziari possono stipulare apposite convenzioni, senza oneri a carico della finanza pubblica, con le facolt universitarie di giurisprudenza, con le scuole di specializzazione per le professioni legali di cui all뭓rticolo 16 del decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398, e con i consigli dell뭥rdine degli avvocati per consentire ai pi meritevoli, su richiesta dell뭝nteressato e previo parere favorevole del Consiglio Giudiziario, lo svolgimento presso i medesimi uffici giudiziari del primo anno del corso di dottorato di ricerca, del corso di specializzazione per le professioni legali o della pratica forense per l'ammissione all'esame di avvocato.

2. Coloro che sono ammessi alla formazione professionale negli uffici giudiziari assistono e coadiuvano i magistrati che ne fanno richiesta nel compimento delle loro ordinarie attivit, anche

con compiti di studio, e ad essi si applica l뭓rticolo 15 del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957 n. 3. Lo svolgimento delle attivit previste dal presente comma sostituisce ogni altra attivit del corso del dottorato di ricerca, del corso di specializzazione per le professioni legali o della pratica forense per l'ammissione all'esame di avvocato.

3. Al termine del periodo di formazione il magistrato designato dal capo dell뭫fficio giudiziario redige una relazione in merito all뭓ttivit svolta e alla formazione professionale acquisita, che viene trasmessa agli enti di cui al comma 1.

4. Ai soggetti di cui al comma 2 non compete alcuna forma di compenso, di indennit, di rimborso spese o di trattamento previdenziale da parte della pubblica amministrazione. Il rapporto non costituisce ad alcun titolo pubblico impiego.

Art. 3.

(Modifica alla legge 24 dicembre 2007, n. 244)

1. All뭓rticolo 3, comma 128, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, sono apportate le seguenti modifiche:

a) al primo periodo le parole: 쳀ino al 31 dicembre 2012 sono sostituite dalle seguenti: 쳀ino al 31 dicembre 2016;

b) al quarto periodo le parole: , secondo le vigenti disposizioni contrattuali sono sostituite dalle seguenti: 첿 in deroga ad ogni limite temporale previsto dalla contrattazione collettiva.

Art. 4.

(Misure straordinarie per la riduzione del contenzioso civile pendente davanti alla Corte di cassazione e alle corti d뭓ppello)

1. Nei procedimenti civili pendenti davanti alla Corte di cassazione, aventi ad oggetto ricorsi avverso le pronunce pubblicate prima dell뭙ntrata in vigore della legge 18 giugno 2009, n. 69, e in quelli pendenti davanti alle corti d뭓ppello da oltre due anni prima dell뭙ntrata in vigore della presente legge, la cancelleria avvisa le parti costituite dell뭥nere di presentare istanza di trattazione del procedimento, con l뭓vvertimento delle conseguenze di cui al comma 2.

2. I ricorsi si intendono rinunciati se nessuna delle parti, con istanza sottoscritta personalmente dalla parte, dichiara la persistenza dell뭝nteresse alla loro trattazione entro il termine perentorio di sei mesi dalla ricezione dell뭓vviso di cui al comma 1.

3. Nei casi di cui al comma 2 il presidente dichiara l뭙stinzione con decreto.

Art. 5

(Della motivazione breve)

1. All뭓rticolo 163, comma 3, numero 7, del codice di procedura civile, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: 첿 che la motivazione della sentenza pu essere resa nelle forme di cui all뭓rticolo 281-decies.

2. Dopo il capo III-ter del libro II del titolo I del codice di procedura civile inserito il seguente:

첖apo III-quater

DELLA MOTIVAZIONE BREVE

Art. 281-decies. (Motivazione breve della decisione). Se non decide a norma degli articoli 275, 281-quinquies o 281-sexies, il giudice, entro trenta giorni dalla scadenza del termine per il deposito delle memorie di replica di cui all뭓rticolo 190, fissa con decreto, entro i successivi trenta giorni, l뭫dienza per la pronuncia della sentenza con motivazione breve.

All뭫dienza prevista dal comma che precede il giudice pronuncia sentenza dando lettura del dispositivo ed elencando sommariamente a verbale i fatti rilevanti, le fonti di prova e i principi di diritto su cui la decisione fondata, anche con esclusivo riferimento a precedenti conformi, ovvero a contenuti specifici degli scritti difensivi o di altri atti di causa. La sentenza si intende pubblicata con la sottoscrizione da parte del giudice del verbale che la contiene ed immediatamente depositata in cancelleria.

Le parti che vogliono proporre impugnazione devono chiedere, con atto depositato in cancelleria entro il termine perentorio di quindici giorni dalla pronuncia della sentenza, la motivazione estesa redatta ai sensi dell뭓rticolo 132, primo comma, n. 4, che il giudice deposita nei successivi trenta giorni. Del deposito data immediata comunicazione alle parti costituite.

Dal momento del deposito della motivazione estesa la sentenza pu essere notificata ai fini della decorrenza dei termini di cui all뭓rticolo 325 e decorre il termine di cui all뭓rticolo 327, primo comma.

3. All뭓rticolo 282 del codice di procedura civile, dopo il primo comma, aggiunto il seguente:

첥el caso previsto dall뭓rticolo 281-decies, la sentenza provvisoriamente esecutiva a seguito della pronuncia di cui al secondo comma del medesimo articolo, anche nel caso di richiesta della motivazione estesa.

4. Dopo l뭓rticolo 324 del codice di procedura civile inserito il seguente:

첔rt. 324-bis. (Non impugnabilit della sentenza). La sentenza resa ai sensi dell뭓rticolo 281-decies, primo comma, non soggetta ai mezzi di impugnazione indicati nell뭓rticolo 324, quando nessuna delle parti ha chiesto la motivazione estesa.

5. Nei giudizi pendenti alla data di entrata in vigore della presente legge nei quali una o pi parti sono state dichiarate contumaci, l뭓rticolo 281-decies del codice di procedura civile, come introdotto dall뭓rticolo 5, comma 2, si applica se, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, una delle parti costituite notifica al contumace l뭓vviso che la motivazione della sentenza pu essere resa nelle forme di cui all뭓rticolo 281-decies del codice di procedura civile.

Art. 6.

(Modifiche al codice di procedura civile per l뭓ccelerazione del contenzioso civile

pendente in grado di appello)

1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni:

a) All뭓rticolo 350 del codice di procedura civile, primo comma, dopo le parole: 쳊a trattazione dell뭓ppello collegiale, sono aggiunte le seguenti: , ma il presidente del collegio pu delegare per l뭓ssunzione dei mezzi istruttori uno dei suoi componenti;

b) All뭓rticolo 352 del codice di procedura civile aggiunto, in fine, il seguente comma:

첪uando non provvede ai sensi dei commi che precedono, il giudice pu decidere la causa ai sensi dell뭓rticolo 281-sexies ovvero dell뭓rticolo 281-decies.

Art. 7

(Modifiche in materia di spese di giustizia)

1. Al testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002 n. 115, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:

a) all뭓rticolo 13, dopo il comma 1 aggiunto il seguente: 1-bis. Il contributo aumentato della met nei giudizi di impugnazione;

b) all뭓rticolo 14, dopo il comma 1 aggiunto il seguente: 1-bis. Nell뭝potesi prevista dall뭓rticolo 281-decies, terzo comma, del codice di procedura civile la parte che per prima deposita la richiesta di motivazione estesa della sentenza tenuta al pagamento contestuale del contributo unificato dovuto per il successivo grado di giudizio.

2. Il maggior gettito derivante dall뭓pplicazione delle disposizioni di cui al presente articolo versato all뭙ntrata del bilancio dello Stato, per essere riassegnato, con decreto del Ministro dell뭙conomia e delle finanze, allo stato di previsione del Ministero della giustizia per assicurare fino al 31 dicembre 2015 il pagamento dell뭝ndennit dei giudici ausiliari nel caso di cui all뭓rticolo 8, e, a decorrere dal 2016, per assicurare il funzionamento degli uffici giudiziari, con esclusione delle spese di personale.

3. Le disposizioni di cui al comma 1, lettera a), si applicano anche alle controversie pendenti nelle quali il provvedimento impugnato stato pubblicato ovvero, nei casi in cui non sia prevista la pubblicazione, depositato successivamente alla data di entrata in vigore della presente legge.

Art. 8

(Dei giudici ausiliari)

1. Per definire i procedimenti civili dichiarati prioritari con i programmi previsti dall뭓rticolo 1 e con l'obiettivo di darvi luogo entro il 2015 si procede, nei modi e termini previsti dal presente articolo, alla nomina di giudici ausiliari nel numero massimo di seicento.

2. I giudici ausiliari sono nominati con appositi decreti del Ministro della giustizia, previa deliberazione del Consiglio superiore della magistratura, su proposta formulata dal consiglio giudiziario territorialmente competente, tra gli avvocati dello Stato a riposo e i magistrati ordinari, contabili e amministrativi a riposo che non abbiano superato i 75 anni di et al momento della proposizione della domanda. Per la nomina a giudice ausiliario in relazione ai posti previsti per il circondario di Bolzano richiesta anche una adeguata conoscenza delle lingue italiana e tedesca. Si osserva altres il principio contenuto nell'articolo 8, secondo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, e successive modificazioni.

3. Non possono essere nominati giudici ausiliari coloro che sono iscritti nell뭓lbo degli avvocati e i soggetti indicati dall뭓rt. 2, comma 8, della legge 22 luglio 1997, n. 276.

4. Entro due mesi dall뭙ntrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro della giustizia, sentito il Consiglio superiore della magistratura, viene determinata la pianta organica dei giudici ausiliari, con l뭝ndicazione dei posti disponibili presso ciascuna corte d뭓ppello. Con il medesimo decreto vengono determinate le modalit ed i termini di presentazione della domanda per la nomina a giudice ausiliario. Della pubblicazione del decreto viene dato avviso mediante avviso sul sito Internet del Ministero della giustizia.

5. Le domande sono trasmesse, senza ritardo, al consiglio giudiziario che formula le proposte motivate di nomina indicando, ove possibile, una rosa di nomi pari al doppio dei posti assegnati a ciascun ufficio giudiziario del distretto e redigendo una graduatoria. A parit di titoli sono prioritariamente nominati coloro che abbiano maturato la maggiore anzianit di servizio.

6. Il giudice ausiliario prende possesso dell'ufficio entro il termine indicato nel decreto di nomina previsto dal comma 2 e viene assegnato con apposito provvedimento del capo dell뭫fficio ad una delle sezioni civili esistenti, per definire le cause gi mature per la decisione.

7. La nomina a giudice ausiliario ha durata fino al 31 dicembre 2015. Il giudice ausiliario cessa in ogni caso dall'incarico all'atto del compimento del settantasettesimo anno di et.

8. I giudici ausiliari hanno lo stato giuridico di magistrati onorari e ad essi si applica il regime delle incompatibilit e delle ineleggibilit previsto per i magistrati ordinari.

9. I giudici ausiliari decadono dall'ufficio per dimissioni volontarie ovvero quando sopravviene una causa di incompatibilit.

10. In ogni momento il capo dell뭫fficio giudiziario pu proporre al consiglio giudiziario la revoca del giudice ausiliario che non sia in grado di svolgere diligentemente e proficuamente il proprio incarico, ovvero tenga un comportamento scorretto o negligente. Il consiglio giudiziario, sentito l'interessato e verificata la fondatezza della proposta, la trasmette al Consiglio superiore della magistratura corredata da un parere motivato. I provvedimenti di cessazione sono adottati con decreto del Ministro della giustizia previa deliberazione del Consiglio superiore della magistratura.

11. Ai giudici ausiliari attribuita una indennit di euro duecento per ogni sentenza che definisce il processo ovvero per ogni verbale di conciliazione. Le indennit non possono superare in ogni caso l뭝mporto di euro ventimila lordi annui.

12. Agli oneri derivanti dal presente articolo, valutati complessivamente in euro 12.000.000 annui, si provvede mediante l뭫tilizzo delle maggiori entrate derivanti dalle disposizioni di cui all뭓rticolo 7.

13. Ai sensi dell뭓rticolo 17, comma 12, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, il Ministro della giustizia provvede al monitoraggio degli oneri di cui al presente articolo e riferisce in merito al Ministro dell뭙conomia e delle finanze. Nel caso si verifichino o siano in procinto di verificarsi scostamenti rispetto alle previsioni di cui al presente articolo, il Ministro dell뭙conomia e delle finanze, sentito il Ministro della giustizia, provvede, con proprio decreto, alla riduzione, nella misura necessaria alla copertura finanziaria, del maggior onere risultante dall뭓ttivit di monitoraggio, delle dotazioni finanziarie di parte corrente iscritte, nell뭓mbito delle spese rimodulabili di cui all뭓rticolo 21, comma 5, lettera b), della legge 31 dicembre 2009, n. 196, nel Programma Giustizia civile e penale della Missione Giustizia dello stato di previsione del Ministero della Giustizia. Il Ministro dell뭙conomia e delle finanze riferisce senza ritardo alle Camere con apposita relazione in merito alle cause degli scostamenti e all뭓dozione delle misure di cui al secondo periodo.