XXX LETTURA DEL MULINO

“Perché i tempi stanno cambiando...”

Ignazio Visco

Governatore della Banca d’Italia

Bologna, 18 ottobre 2014

 

“Perché i tempi stanno cambiando...” (for the times they are a-changin’), così cantava Bob

Dylan cinquant’anni fa. E in questo mezzo secolo i tempi sono veramente cambiati.

La storia dell’umanità è una storia di cambiamenti: demografici, tecnologici, religiosi,

sociali, politici, economici. Gli economisti usano distinguere tra sviluppo e crescita: quest’ultima è

riferita alla produzione dei beni e dei servizi scambiati nei mercati, una componente del benessere

economico e sociale, importante ma da considerare insieme con le altre componenti dello sviluppo

di una comunità, quali la distribuzione delle risorse naturali, le condizioni di vita, la qualità

dell’ambiente. Componenti, queste, che sono spesso, ma non perfettamente, correlate con una

misura dell’attività economica quale il prodotto interno lordo, un indicatore utile ma limitato, il cui

uso esclusivo viene quindi a volte comprensibilmente criticato.

Ma non affronterò oggi questo argomento se non per due aspetti. Il lavoro, anzitutto.

Risponde a Candido il Turco di Voltaire: non si lavora solo per allontanare il bisogno (ma anche la

noia e il vizio). Se le nostre condizioni di vita sono così tanto migliorate negli ultimi secoli lo si

deve però in buona parte a quella istituzione fondamentale che è il mercato, che ha permesso di

superare l’economia di sussistenza basata sul baratto. Fallimenti del mercato dovuti a monopoli e

rendite di posizione, a norme e costumi sociali sfavorevoli all’attività d’impresa, a regole e pratiche

di supervisione non sufficienti per scoraggiare l’assunzione di rischi eccessivi alla lunga producono

squilibri, ostacolano la crescita, riducono il lavoro e deprimono lo sviluppo.

Il secondo aspetto riguarda i modelli degli economisti; essi spesso sembrano dipingere la

crescita economica come un processo equilibrato e lineare, ma la realtà non è regolare, come agli

stessi economisti non sfugge. E tuttavia negli ultimi due secoli, mercato, demografia e progresso

tecnico hanno generato ricchezza, lavoro e migliori condizioni di vita per masse crescenti di

popolazione. Questo ha avuto luogo attraverso travagliate vicende sociali, individuali e collettive

che hanno reso il processo non lineare, eppure non casuale.

In questa Lettura discuterò quindi il tema del cambiamento, in particolare quello, rapido e

continuo, oggi associato agli sviluppi della tecnologia, e le molteplici interrelazioni tra lasciti della

crisi e nuove sfide tecnologiche. Tra queste, un rilievo crescente sta assumendo il dibattito

sull’impatto delle nuove tecnologie sulla disponibilità di posti di lavoro e sulle competenze richieste

per meglio cogliere le opportunità offerte dalla rivoluzione digitale e cercare di governarne i rischi.

_____________________________

Ringrazio, per i molti utili commenti, Andrea Brandolini, Salvatore Rossi e Francesco Spadafora. La Lettura sarà

pubblicata dalla rivista il Mulino, 6/14.

Dalla rivoluzione industriale allo sviluppo sostenibile

Dalla seconda metà del Settecento, con la prima rivoluzione industriale si è affermata la

“prima età delle macchine” (la seconda è quella con cui oggi abbiamo a che fare e di cui dà conto il

recentissimo libro di Erik Brynjolfsson e Andrew McAfee, The second machine age)1.

L’innovazione e l’automazione hanno progressivamente cambiato il mondo della produzione dei

beni materiali, nell’agricoltura come nell’industria, in particolare quella manifatturiera. Le nuove

opportunità create in quella straordinaria fase della storia dell’umanità hanno più che compensato i

posti di lavoro perduti con l’introduzione di tecnologie di uso generale: il motore a vapore, il

motore a scoppio, l’elettrificazione.

In Why the West rules – for now2, lo storico anglo-americano Ian Morris costruisce un indice

dello sviluppo sociale dell’umanità basato sull’utilizzo dell’energia, sull’organizzazione civile, sulla

capacità bellica e sulla tecnologia dell’informazione. Brynjolfsson e McAfee osservano che questo

indice rivela uno “straordinario” risultato: nessuna delle pur importantissime innovazioni

antecedenti la rivoluzione industriale – dall’addomesticamento degli animali allo sviluppo

dell’agricoltura, dalla fondazione delle città all’affermazione del pensiero filosofico e delle grandi

religioni, dall’invenzione della scrittura all’introduzione dei numeri – avrebbe avuto un’importanza

nello sviluppo socio-economico dell’umanità paragonabile a quella dell’eccezionale discontinuità che

si osserva nella seconda metà del diciottesimo secolo. Una discontinuità che va di pari passo con la

crescita demografica, dagli 800 milioni della popolazione mondiale nel 1750 a più di un miliardo e

mezzo nel 1900, a 2,5 miliardi nel 1950, a circa 3 cinquant’anni fa e a oltre 7 miliardi oggi.

Proprio l’accelerazione esponenziale della dinamica demografica dalla seconda guerra

mondiale ha portato a discutere dei “limiti” dello sviluppo. All’inizio degli anni Settanta le

previsioni del Club di Roma3, centrate sulla rarefazione delle risorse naturali, gettarono un

allarme sulla sopravvivenza del nostro ecosistema e della stessa specie umana. Fondate, come

spesso avviene nell’attività di previsione, sull’estrapolazione lineare di tendenze in atto, queste

previsioni ricevettero una grande attenzione da parte di mass media ed esponenti politici, ma

1 E. Brynjolfsson e A. McAfee, The second machine age: Work, progress, and prosperity in a time of brilliant

technologies, New York, W. W. Norton & Company, 2014. Cfr. anche, degli stessi autori, il saggio precedente, Race

against the machine, Lexington, MA, Digital Frontier Press, 2011 (trad. it. In gara con le macchine. La tecnologia aiuta

il lavoro?, goWare, 2013).

2 I. Morris, Why the West rules for now: The patterns of history, and what they reveal about the future, New York,

Farrar, Straus and Giroux, 2010.

3 D.H. Meadows, D.L. Meadows, J. Randers e W.W. Behrens III, The limits to growth. A Report for the Club of Rome’s

Project on the predicament of mankind, New York, Universe Books, 1972 (trad. it. I limiti dello sviluppo. Rapporto del

System Dynamics Group, Massachusetts Institute of Technology (MIT) per il progetto del Club di Roma sui dilemmi

dell’umanità, Milano, Mondadori, 1972).

4

un’accoglienza scettica da parte di molti, anche celebri, economisti. Pur senza minimizzare limiti

e rischi dello sfruttamento delle risorse naturali che l’esplosione demografica e la crescita

esponenziale dei consumi comportava, fu osservato che l’analisi non teneva in adeguata

considerazione due importanti servomeccanismi: la capacità riequilibratrice dei prezzi relativi e la

risposta della tecnologia.

Nonostante la forza di questi due meccanismi, che rendono aleatorie previsioni a così lungo

termine, la preoccupazione non è venuta meno. Il dibattito sullo “sviluppo sostenibile”, tale da

“soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di

soddisfare i propri”4, mostra come non si possa oggi non prestare attenzione all’equilibrio ambientale

del pianeta e alle compatibilità, o ai trade-offs, tra obiettivi economici, sociali ed ecologici.

Il cambiamento climatico non è più un curiosum da scienziati, è un tema fondamentale del

dibattito pubblico odierno. Una tappa notevole è costituita dal Rapporto Stern5 del 2006, che ha

fatto seguito a importanti accordi internazionali (per tutti il protocollo di Kyoto del 1997) e ad

approfonditi, ancorché sottovalutati, studi della Banca mondiale e dell’OCSE. Ne sono stati criticati

alcuni assunti, come il tasso di sconto utilizzato per la stima dei costi economici, molto basso e

quindi tale da trascurare – come nel rapporto sui limiti dello sviluppo – possibili effetti mitiganti e

di retroazione, quali quelli connessi con il progresso tecnologico. Almeno due raccomandazioni

appaiono però particolarmente importanti: affrontare la sfida del cambiamento climatico a livello

globale, ricercando la cooperazione tra tutti, paesi avanzati, emergenti e in via di sviluppo;

incentivare la creazione e l’utilizzo di nuove tecnologie per ridurre drasticamente le emissioni di

anidride carbonica e altri gas serra.

Cinquant’anni di grandi cambiamenti

Se i cambiamenti degli ultimi cinquant’anni non sono stati né lineari né indolori, il guadagno

di benessere economico e sociale per la gran parte dell’umanità è stato però straordinario. Il volano

è il cambiamento tecnologico.

Questo è ben evidente in un recente articolo di Ayhan Kose e Ezgi Ozturk su Finance &

Development6, un’agile rivista del Fondo monetario internazionale. L’impatto epocale delle

4 United Nations, Report of the World Commission on environment and development – our common future, New York,

1987.

5 N. Stern, The economics of climate change – The Stern Review, Cambridge, Cambridge University Press, 2007.

6 M.A. Kose e E.O. Ozturk, “A world of change”, Finance & Development, settembre 2014. La scelta degli autori di

riprodurre all’inizio del loro articolo i versi della stessa canzone di Bob Dylan da me posta come titolo di questa Lettura

costituisce una curiosa ma significativa coincidenza.

5

innovazioni nelle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni emerge subito con forza dal

confronto, in termini di tempi e di costi, tra le modalità di stesura e diffusione di un articolo 50 anni

fa e oggi: l’uso del computer al posto della macchina da scrivere; la disponibilità immediata

(online) di dati e riferimenti bibliografici, anziché la loro laboriosa acquisizione tramite la

consultazione di testi cartacei da reperire magari in più di una biblioteca; la trasmissione

dell’articolo in tutto il mondo con un semplice click, via posta elettronica e internet, piuttosto che

mediante la stampa e la distribuzione tradizionale delle copie cartacee per i canali postali. Il

progresso consentito dalla crescita esponenziale della potenza di calcolo dei microprocessori

(prevista cinquant’anni fa dall’ormai mitica “legge di Moore”7) è descrivibile con due semplici dati:

il tipico smartphone di oggi ha una potenza 3 milioni di volte superiore a quella del primo mini

computer commercializzato con successo nel 1965, a un costo 225 volte inferiore.

Per aggiungere un esempio tratto dalla mia esperienza personale, negli anni Settanta la

formulazione di previsioni e analisi di politica economica basate sulla simulazione di un modello

econometrico – la soluzione, cioè, di un sistema, allora, di un centinaio di equazioni – poteva

richiedere diverse ore di elaborazione. Già nella prima metà degli anni Ottanta, quando in Banca

d’Italia costruimmo il modello trimestrale dell’economia italiana, il tempo necessario per ogni

simulazione era sceso a pochi minuti. Oggi, in una manciata di secondi si possono produrre

complesse simulazioni stocastiche.

Il cambiamento è divenuto particolarmente impetuoso con la fine della guerra fredda. Con

l’introduzione di internet nel 1991 cambia per sempre il modo di comunicare e con la telefonia

mobile la comunicazione diviene straordinariamente ampia e incommensurabilmente meno cara.

Dal primo satellite commerciale per le comunicazioni messo in orbita negli Stati Uniti nel 1965 si è

passati a circa 400 oggi attivi nel mondo. Dai 5 abbonamenti di telefonia mobile per milione di

persone nel 1980 si è oggi arrivati a oltre 90 per 100 persone. Gli sviluppi tecnologici consentono

un uso assai più efficiente delle fonti energetiche con un risparmio, dal 1991, di oltre il 25 per cento

nell’utilizzo di energia a parità di beni e servizi prodotti.

La stessa globalizzazione è stata agevolata della rivoluzione delle nuove tecnologie. Nei

trasporti, l’abbattimento delle tariffe aeree ha fatto impennare il numero dei viaggiatori, il trasporto

7 Secondo la congettura avanzata da Gordon Moore, poi co-fondatore di Intel, le prestazioni dei microprocessori (in

senso lato, la potenza di calcolo) sarebbero raddoppiate ogni 12 mesi (in seguito portati a 18-24 mesi); cfr. G.E. Moore,

“Cramming more components onto integrated circuits”, Electronics, 38, 8, 1965. Un’altra regolarità sulla velocità del

progresso tecnologico è espressa dalla cosiddetta “legge di Wright”, secondo cui il tempo (o costo) di produzione

(originariamente nel settore aeronautico) per unità di prodotto si riduce di una percentuale costante ogni volta che la

quantità prodotta cumulata raddoppia; cfr. T.P. Wright, “Factors affecting the cost of airplanes”, Journal of the

Aeronautical Sciences, 3, 4, 1936.

6

su ferrovia ha guadagnato rapidità e qualità. Il contributo alla crescita mondiale delle economie oggi

emergenti, escluse dall’integrazione economica del Novecento, è passato dal 30 per cento tra il

1965 e il 1974 al 70 per cento negli ultimi dieci anni. L’economia globale è oggi sei volte più

grande rispetto a cinquant’anni fa e il prodotto pro capite è più che raddoppiato sebbene la

popolazione mondiale sia ormai più di due volte quella di allora. In parallelo, la mobilità del lavoro

si è tradotta in un aumento delle persone che vivono in paesi diversi da quelli di nascita: da meno di

80 milioni nel 1970 a quasi 250 negli ultimi anni, con flussi tra i paesi in via di sviluppo ormai

superiori a quelli verso i paesi occidentali.

Si tratta, come ho detto, di cambiamenti straordinari. Viviamo oggi in un’altra economia,

in un’altra società rispetto a solo un quarto di secolo fa: una società globale, dove sono

formidabili rapidità e diffusione delle idee e delle conoscenze, la mole di informazioni

disponibili, l’aumento delle transazioni e delle attività finanziarie nel mondo, quasi 300 volte

maggiori, in dollari, che nel 1970 (a titolo di confronto, i prezzi al consumo sono oggi negli Stati

Uniti 6 volte più alti che allora). Straordinari sono in particolare gli effetti del combinarsi di

innovazione tecnologica e apertura dei mercati. Gli sviluppi conseguiti, grazie alle nuove “catene

dell’offerta”, nella crescita dei redditi pro capite e dell’occupazione in molti paesi emergenti,

Cina in testa, ne sono una chiara attestazione.

Anche questi cambiamenti non hanno avuto luogo in maniera lineare. Certamente, ma non

solo, per i punti di discontinuità degli equilibri geopolitici. Nel campo dell’economia, ripetuti

episodi di crisi finanziaria hanno colpito singoli paesi e regioni, fino alla gravissima crisi globale di

cui ancora tanto soffriamo. L’economia globale ha sperimentato in ognuno dei decenni successivi

agli anni Sessanta una recessione economica. Il maggiore benessere conseguito non si è distribuito

in modo uniforme tra la popolazione mondiale.

L’obiettivo di dimezzare la percentuale di persone in condizioni di povertà estrema (con

un reddito inferiore a 1,25 dollari al giorno) è stato conseguito con cinque anni di anticipo, nel

2010, rispetto ai tempi previsti dai Millennium Development Goals concordati nel 2000

nell’ambito delle Nazioni Unite. Tuttavia, oltre un miliardo di persone ancora vive in queste

condizioni. Va ricordato che al miliardo di persone che da queste condizioni sono uscite bisogna

aggiungere l’aumento, nell’ultimo quarto di secolo, di oltre 2 miliardi della popolazione

mondiale, per la maggior parte proprio nei paesi emergenti e in via di sviluppo, che in queste

condizioni non sono entrati. La distanza di questi paesi in termini di speranza di vita rispetto al

mondo occidentale (dove pure essa continua ad aumentare) è altresì drasticamente diminuita.

Resta però il fatto che mentre le diseguaglianze nella distribuzione dei redditi tra paesi si sono

7

ridotte, quelle all’interno di ciascun paese si sono ampliate, tra il 1990 e il 2010, in due terzi dei

casi per i quali sono disponibili dati8.

Negli Stati Uniti, a fronte di un aumento della produzione pro capite di circa il 40 per cento

tra il 1990 e il 2007, il reddito della famiglia mediana era aumentato in termini reali di meno del 10

per cento; dopo la grave caduta del prodotto e dell’occupazione conseguenti alla crisi finanziaria, la

produzione è oggi tornata a superare il livello del 2007, ma il reddito mediano è ridisceso sui livelli

di oltre 20 anni fa. Spesso si osserva come l’1 per cento più ricco della popolazione riceva oggi

negli Stati Uniti circa il 20 per cento del reddito nazionale rispetto all’8 per cento di 50 anni fa.

Ancor più forte è stato l’aumento dei redditi dei “super ricchi” (lo 0,1 per cento della popolazione),

con un’accentuazione della concentrazione della ricchezza9.

“Ristagno secolare” e “seconda età delle macchine”

La non linearità del processo di sviluppo si vede oggi anche dalla mancanza di aumenti

notevoli della produttività nei paesi avanzati a seguito dello sviluppo e della diffusione delle nuove

tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni10. Nella maggior parte di questi paesi il reddito

pro capite è cresciuto poco, quando non è diminuito come da noi. Alla crisi finanziaria e dei debiti

sovrani si è accompagnata quella che viene ormai definita, quasi in contrapposizione con la Grande

Moderazione dei precedenti venti anni, la Grande Recessione.

Anche negli Stati Uniti e nel Regno Unito, paesi usciti più rapidamente dalla fase acuta della

crisi, il tasso di crescita resta al di sotto di quello degli anni precedenti. Nel complesso dei paesi

dell’area dell’euro il livello del prodotto è ancora inferiore a quello pre-crisi; si prevede che vi

ritorni alla fine del prossimo anno. Le difficoltà sembrano oggi estendersi anche ai paesi che erano

stati meno colpiti dalla crisi. In generale, vi è una tendenza a ritenere che si sia anche abbassato il

tasso di crescita del prodotto “potenziale” a causa della riduzione degli investimenti e di livelli di

disoccupazione e di sotto-occupazione a lungo molto elevati.

I lasciti della crisi sono quindi numerosi e variegati; rischiano di lasciare un segno

permanente nelle nostre economie ben oltre il breve termine. Oggi si dibatte sui rischi di isteresi

8 Sui grandi miglioramenti nelle condizioni di vita e di salute di pressoché tutti i paesi del mondo dal dopoguerra a oggi

e sulle alterne vicende nella distribuzione dei redditi e delle opportunità e con riferimento ai disastri ambientali, sanitari

e politici si diffonde un recente, profondo e appassionato saggio di Angus Deaton (A. Deaton, The great escape

Health, wealth and the origins of inequality, Princeton, Princeton University Press, 2014).

9 Cfr. A.B. Atkinson, T. Piketty e E. Saez, “Top incomes in the long run of history”, Journal of Economic Literature,

49, 1, 2011, e F. Alvaredo, A.B. Atkinson, T. Piketty e E. Saez, “The top 1 percent in international and historical

perspective”, Journal of Economic Perspectives, 27, 3, 2013.

10 D. Acemoglu, D. Autor, D. Dorn, G.H. Hanson e B. Price, “Return of the Solow paradox? IT, productivity, and

employment in U.S. manufacturing”, American Economic Review, 104, 5, 2014.

8

(la misura in cui il ciclo economico influenza le dinamiche di più lungo termine); Larry Summers

ha riproposto l’ipotesi di “ristagno secolare”, originariamente avanzata da Alvin Hansen negli

anni Trenta e contraddetta nei fatti dal lungo periodo di espansione economica dopo la seconda

guerra mondiale11. È in qualche modo singolare che di questo si parli più (oltre che prima) negli

Stati Uniti che non da noi, dove pure le difficoltà del ritorno a una crescita sostenuta sono

particolarmente evidenti e si osserva un forte deficit nei livelli di occupazione e di domanda.

La riproposizione dell’ipotesi di ristagno secolare fa riferimento alla tendenza all’aumento

della propensione al risparmio (per rientrare da livelli di indebitamento eccessivamente elevati) e alla

riduzione degli investimenti, e della domanda aggregata, osservata negli ultimi anni. La diminuzione

del prezzo relativo dei beni capitali indotta dall’innovazione tecnologica, pur determinando uno

spostamento dal lavoro al capitale, potrebbe avere essa stessa contribuito a ridurre in valore la spesa

per investimenti. Come osserva Summers, contrariamente all’avvio di un’impresa in settori

tradizionali, avviare una start-up nel campo dell’economia digitale generalmente richiede un

investimento monetario contenuto e quindi, nell’aggregato, un calo degli investimenti.

In queste condizioni l’equilibrio tra risparmio e investimenti, necessario per la piena

occupazione, potrebbe richiedere un livello negativo dei tassi reali d’interesse (al netto cioè

dell’inflazione), che la politica monetaria non riesce a determinare. In termini nominali, infatti, i

tassi d’interesse sono ormai prossimi a zero e la crescita dei prezzi è molto bassa. Ne consegue un

ristagno dell’attività produttiva e uno stato di sotto-occupazione delle risorse. L’eredità dalla crisi

finanziaria, in particolare la necessità di ridurre la leva finanziaria e l’indebitamento pubblico e

privato, non sembra essere provvisoria; in un contesto di bassa inflazione e riduzione della crescita

potenziale, a livello globale il rapporto tra debito e prodotto continua ad aumentare12.

Oltre agli effetti di breve periodo di natura keynesiana connessi con rigidità e vincoli

nell’aggiustamento dei prezzi relativi, vanno prese in considerazione le conseguenze che uno

stato prolungato di disoccupazione e disinvestimento può avere nel medio periodo sulle capacità

di crescita dell’economia. Nel più lungo periodo, aspettative sfavorevoli sulle condizioni della

domanda, connesse con il progressivo invecchiamento della popolazione, possono contribuire a

rendere il quadro ancor più negativo. Tassi di interesse mantenuti particolarmente bassi per

11 L.H. Summers, “U.S. economic prospects: Secular stagnation, hysteresis, and the zero lower bound”, Business

Economics, 49, 2, 2014; A.H. Hansen, “Economic progress and declining population growth”, American Economic

Review, 29, 2014. Cfr. anche l’eBook, a cura di C. Teulings e R. Baldwin, Secular stagnation: Facts, causes, and cures,

A VoxEU.org eBook, Londra, CEPR Press, 2014, e P. Pagano e M. Sbracia, “The secular stagnation hypothesis: A

review of the debate and some insights”, Questioni di economia e finanza, Banca d’Italia, settembre 2014.

12 L. Buttiglione, P. Lane, L. Reichlin e V. Reinhart, Deleveraging, what deleveraging? The 16th Geneva Report on the

world economy, Londra, CEPR Press, 2014.

9

periodi molto lunghi possono inoltre finire per alimentare un’eccessiva assunzione di rischi

finanziari, pratiche imprudenti di concessione di credito e, in ultima analisi, pericoli per la

stabilità finanziaria13.

Una seconda versione dell’ipotesi di ristagno secolare, sostenuta soprattutto da Bob

Gordon14, piuttosto che focalizzarsi sul lato della domanda e degli investimenti, considera il lato

dell’offerta e in particolare la crescita della produttività – il prodotto potenziale di un’economia per

date risorse (fisiche e umane) disponibili e utilizzate nel processo produttivo. Il punto centrale è che

le grandi innovazioni generatrici di rilevanti incrementi di produttività sarebbero già state per la

maggior parte inventate e sarebbe quindi inevitabile il ritorno a tassi più moderati di crescita; una

tesi, questa, al tempo stesso ardita e ingenua, anche se sostenuta da analisi approfondite dei dati e

delle tendenze storiche, aggregate e settoriali.

La caratteristica fondamentale delle nuove tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni

consiste nel loro prestarsi a un utilizzo diffuso in pressoché tutti i settori dell’attività economica e

sociale. L’adozione del personal computer e di internet può essere stata graduale e non dissimile nel

profilo temporale da quella della diffusione dell’energia elettrica15. Ma, come osservano Brynjolfsson

e McAfee, è ben possibile che la rivoluzione digitale sia ancora lontana dall’avere pienamente

dispiegato i suoi effetti sulla produttività. La natura del progresso tecnologico nell’era digitale è il suo

essere sì graduale, ma lungo una traiettoria esponenziale, quale quella, nella nota leggenda persiana,

della moltiplicazione dei chicchi di riso sulla scacchiera: graduale nella prima metà della scacchiera,

travolgente nella seconda. Per non parlare di altri campi di frontiera della ricerca quali la robotica, la

genomica e la stessa intelligenza artificiale, che pure possono avere applicazioni straordinarie e un

tempo impensabili (a meno di chiamarsi Jules Verne o Isaac Asimov) sulla produttività e in ultima

istanza sul nostro benessere. È questa la “seconda età delle macchine”16.

13 Cfr. anche L.H. Summers, “Reflections on the ‘new secular stagnation hypothesis’”, nell’eBook di VoxEU, Secular

stagnation: Facts, causes and cures, cit.

14 Cfr. R.J. Gordon, “Is US economic growth over? Faltering innovation confronts the six headwinds”, NBER Working

Paper No. 18315, 2012, e, per una recente rielaborazione, R.J. Gordon, “The turtle’s progress: Secular stagnation meets

the headwinds”, nell’eBook di VoxEU, Secular stagnation: Facts, causes and cures, cit.

15 B. Jovanovic e P.L. Rousseau, “General purpose technologies”, in Handbook of Economic Growth, a cura di P.

Aghion e S.N. Durlauf, Amsterdam, Elsevier, 2005.

16 In queste analisi non si presta particolare attenzione ai possibili effetti dell’automazione e della rivoluzione digitale

sulle capacità cognitive delle persone (oltre che sulla domanda di lavoro e sulla distribuzione dei redditi), che sono

invece considerati niente affatto trascurabili da altri autori. Cfr., ad esempio, N. Carr, “Is Google making us stupid?”,

The Atlantic, luglio-agosto 2008, M. Näsi e L. Koivusilta, “Internet and everyday life: The perceived implications of

internet use on memory and ability to concentrate”, Cyberpsychology, behavior, and social networking, 16, 2, 2013.

Cfr. anche le tesi espresse da Norbert Wiener, matematico e inventore della cibernetica, sugli effetti altamente

depressivi dell’automazione sull’occupazione in N. Wieser, The human use of human beings, Boston, Houghton

Mifflin, 1950.

10

La sfida tecnologica

Dalla prima rivoluzione industriale, il progresso tecnico ha costantemente dimostrato la

capacità di generare non solo diffusi aumenti del reddito e del tenore di vita pro capite ma anche

ampie e migliori opportunità di occupazione. Alla perdita di posti di lavoro nei settori interessati

dalle innovazioni di processo e di prodotto si è costantemente accompagnata una rapida creazione di

nuova occupazione per il sistema economico nel suo complesso. Alla base di tale meccanismo sta la

capacità del progresso tecnico di avviare una sequenza virtuosa di incrementi di produttività,

riduzione dei costi unitari di produzione, aumento della domanda per i nuovi beni e servizi e del

reddito nazionale.

La rivoluzione digitale dei nostri giorni, che vediamo con quotidiana evidenza nelle

modalità per comunicare e acquisire informazioni, conferma i benefici di ampia portata che l’intera

società deriva dal progresso tecnico. C’è però un tratto distintivo delle tecnologie digitali: la

velocità con cui esse tendono a sostituire il fattore lavoro, anche in campi nei quali il contributo

dell’uomo è finora apparso determinante. Riemergerebbe così il concetto di “disoccupazione

tecnologica” introdotto nel 1930 da Keynes nel suo saggio sulle Prospettive economiche dei nostri

nipoti17, annoverata quindi tra le forze alla base delle minori opportunità di lavoro e della

stagnazione di salari e redditi osservata in diversi settori e paesi.

Come sappiamo, senza scomodare Ned Ludd o Karl Marx, non si tratta di un dibattito

nuovo. Si può però ricordare l’ottimismo dello stesso Keynes e la sua previsione che, considerando

le tendenze del progresso tecnologico e la crescita della produttività nel Regno Unito e negli Stati

Uniti e “scartando l’eventualità di guerra e di incrementi demografici eccezionali, il problema

economico può essere risolto … nel giro di un secolo”, con un aumento tra 4 e 8 volte del reddito

pro capite. Oggi parliamo di economia globale, di nuove tecnologie e di invecchiamento della

popolazione, constatiamo che guerre eccezionali e incremento demografico non sono mancati,

eppure l’ordine di grandezza dell’aumento del reddito pro capite nei cento anni considerati da

Keynes non sembra irragionevole. Il suo timore, invece, che la sfida più grande sarebbe stata come

occupare il tempo libero, essendo straordinariamente più ricchi ma tecnologicamente disoccupati,

certo non si è materializzato.

Cinquant’anni fa, oltre alla canzone di Bob Dylan negli Stati Uniti, vedeva la luce nel Regno

Unito un libretto su efficienza, uguaglianza e proprietà delle imprese, ad opera di un discepolo di

Keynes, James Meade, noto per i suoi studi di economia internazionale che gli avrebbero poi fatto

17 J.M. Keynes, “Economic possibilities for our grandchildren”, in Essays in persuasion, Londra, Macmillan, 1931

(trad. it. “Prospettive economiche per i nostri nipoti”, in Esortazioni e profezie, Milano, Il Saggiatore, 1968).

11

ottenere, nel 1977, un premio Nobel18. Più che il problema sociale ed economico del che fare

quando l’automazione avrebbe determinato un fabbisogno di lavoro “di un’ora o due al giorno per

ottenere tutta la produzione di beni e servizi necessaria per soddisfare i nostri bisogni”, Meade si

chiedeva: “Cosa faremo quando il prodotto per ora lavorata sarà estremamente elevato ma la quasi

totalità del prodotto andrà a pochi proprietari d’impresa, mentre la massa dei lavoratori sarà in

termini relativi (se non assoluti) in condizioni peggiori di prima”?19.

Che cosa possiamo dire oggi al riguardo? Bisogna, credo, considerare tre piani. Anzitutto, la

questione cruciale consiste nello stabilire se la perdita netta di posti di lavoro dovuta

all’innovazione tecnologica sia un fenomeno temporaneo o permanente. Come ho ricordato,

l’esperienza storica mostra che, se l’automazione ha certamente comportato la sostituzione

settoriale di lavoro con beni capitali, per l’economia nel suo complesso il progresso tecnico è stato

fonte di maggiori opportunità di lavoro. È lecito chiedersi se questa volta sarà diverso; le nuove

tecnologie hanno finora portato, negli Stati Uniti e in altri paesi, a una polarizzazione delle

professioni, con aumenti di posti di lavoro concentrati nel settore dei servizi a bassa retribuzione o

in quello dei lavori a elevati livelli d’istruzione e remunerazione, a spese dei posti di lavoro con

competenze di medio livello.

Secondo uno studio recente, molto citato, di due ricercatori dell’Università di Oxford20, il 47

per cento degli attuali posti di lavoro negli Stati Uniti sarebbe a rischio di essere automatizzato,

possibilmente in uno o due decenni. Analoghe stime21, a cura del centro studi Bruegel, producono

valori anche superiori al 50 per cento per i principali paesi europei, inclusa l’Italia (che sembra

avere sofferto finora più dell’impatto della globalizzazione, e del conseguente aumento della

concorrenza dei mercati emergenti, che di quello dell’innovazione tecnologica). Queste stime

colpiscono la fantasia dei lettori, ma vanno prese con molta cautela data l’ovvia difficoltà di

attribuire percentuali di rischio a lavori il cui contenuto può profondamente mutare anche grazie alla

tecnologia. Abbiamo già assistito in passato a eccezionali mutamenti nella composizione

dell’occupazione; si pensi ad esempio alla straordinaria diminuzione di occupati in agricoltura nei

paesi industrializzati occorsa dal dopoguerra a oggi. Alla perdita di determinati lavori corrisponderà

18 J.E. Meade, Efficiency, equality and the ownership of property, Londra, George Allen & Unwin, 1964.

19 Le implicazioni distributive di una tale “terribile” prospettiva (che Meade definisce Brave new capitalists’ paradise)

sono al centro dell’analisi di un recente breve ma intenso articolo di Benjamin Friedman (B.M. Friedman, “Brave new

capitalists’ paradise: The jobs?”, The New York Review of Books, 7 Novembre 2013).

20 C.B. Frey e M.A. Osborne, “The future of employment: How susceptible are jobs to computerisation?”, Oxford

Martin School, University of Oxford, settembre 2013.

21 J. Bowles, “The computerisation of European jobs”, Bruegel, luglio 2014.

12

certamente la nascita di nuovi, con un risultato netto tutto da determinare, anche se non andranno

trascurati gli effetti negativi propri di una fase di transizione quale quella attuale.

Le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono ancora complementari ai

lavori manageriali e intellettuali, ma sostitutive delle mansioni di routine. La nuova ondata di

innovazione tecnologica nelle aree che prima citavo (robotica, genomica e intelligenza artificiale),

potrebbe tuttavia influire notevolmente anche sulla domanda di lavori non di routine e

apparentemente non standardizzabili, a qualificazione sia bassa che alta22. La seconda questione

riguarda quindi la relazione tra progresso tecnologico e aumento delle diseguaglianze nella

distribuzione dei redditi anticipata con tanta forza da Meade.

Non si può discutere un tema di tale rilievo in poche battute; il clamore con il quale è stato

accolto il Capitale di Thomas Piketty23 è sufficiente, però, a indicarne l’attualità. Non si tratta solo

di richiamare l’emergere delle superstars, dei top executives o dei grandi redditieri (lo 0,1 per cento

della popolazione…), che parrebbero essere – per le loro competenze, la loro fortuna o le loro

posizioni monopolistiche – i grandi beneficiari delle trasformazioni economiche degli ultimi

decenni, e invocare quindi una ridistribuzione dei redditi per motivi di equità generale. Si tratta

anche di chiedersi quanto le forme di innovazione tecnologica in atto e prospettiche possano

modificare, ai fini della crescita economica, il rapporto oggi esistente tra capitale e lavoro, e quanto

alto sia il rischio che ampie fasce della forza lavoro finiscano per essere messe ai margini del

processo produttivo, indipendentemente dal loro grado di istruzione e di conoscenze. E, quindi, che

fare per evitare conseguenze umane, sociali e politiche potenzialmente assai gravi24.

Ovviamente si tratta di questioni di lungo periodo. Occorre diffidare di previsioni estreme

secondo le quali tutti o quasi tutti i lavoratori sarebbero sostituiti da robot, con i proprietari del

capitale che si approprierebbero, in forma di profitti, di quasi tutto il reddito prodotto. Previsioni,

queste, che soffrono degli ovvii limiti di estrapolazioni lineari e non contemplano la presenza di

quei fattori di salvaguardia e retroazione che tendono più o meno spontaneamente ad affermarsi

nella storia dell’umanità. Ma non si può non osservare che temi quali la concentrazione delle quote

di mercato, l’uguaglianza delle opportunità, la progressività dei sistemi tributari, l’occupabilità delle

22 Per una rassegna del dibattito cfr. A. Sabadash, “ICT-induced technological progress and employment: A happy

marriage or a dangerous liaison? A literature review”, European Commission, Joint Research Centre, Institute for

Prospective Technological Studies, Digital Economy Working Paper 07, 2013.

23 T. Piketty, Capital in the twenty-first century, Cambridge, MA, The Belknap Press, 2014 (prima edizione francese: Le

capital au XXI siècle, Parigi, Seuil, 2013; trad.it. Il capitale nel XXI secolo, Milano, Bompiani, 2014).

24 Il tema è stato avanzato con forza da Benjamin Friedman in “‘Brave new capitalists’ paradise’: The jobs”, cit. Cfr.

anche L.H. Summers, “Economic possibilities for our children”, NBER Reporter, 4, 2013 e il recentissimo contributo di

Tony Atkinson: A.B. Atkinson, “After Piketty”, Nuffield College, Oxford, e London School of Economics, mimeo,

settembre 2014.

13

persone, i diritti di proprietà saranno inevitabilmente, negli anni che vengono, oggetto di dibattito e

di decisione politica, in un contesto difficile perché non più limitato entro i confini di una singola

nazione.

La terza considerazione da fare, di fronte al riemergere di temi quali la disoccupazione

tecnologica, la concentrazione dei redditi e l’affermazione del capitale (delle macchine) sul lavoro,

riguarda le possibili conseguenze sulla domanda aggregata. Chi sostiene che i frutti del progresso

tecnico, e i connessi aumenti di produttività, saranno per la maggior parte distribuiti tra i (pochi)

proprietari delle nuove imprese tecnologiche, pone certamente una questione di equità distributiva.

Ma, per prodursi, quei frutti devono poter contare su un livello di domanda effettiva

sufficientemente elevato. Vi è quindi una più ampia questione distributiva, a livello

macroeconomico: per poter acquistare i beni e i servizi che saranno il prodotto di domani occorrerà

disporre di redditi, di lavoro e di proprietà, ampiamente diffusi tra la popolazione. Perché si

realizzino, cioè, i grandi aumenti possibili dal lato dell’offerta bisognerà pure che vi siano

consumatori in grado di domandare i nuovi beni e servizi.

Domanda e offerta, oggi

Le questioni di cui ho finora parlato riguardano un futuro possibile, un futuro distante, anche

se forse non troppo. È bene quindi discuterne, con apertura mentale e con la consapevolezza che

non si tratta di lottare contro i mulini a vento delle macchine che prendono il sopravvento

sull’uomo, o del capitale che sopraffà irrimediabilmente il lavoro. Bisogna ricordare che così come

il lavoro di oggi è affatto diverso da quello di ieri, anche il lavoro di domani sarà diverso da quello

di oggi. E lo stesso vale per il capitale: il capitale “digitale” avrà ben poco in comune con il capitale

dei padroni delle ferriere. Pure, non si possono ignorare i problemi che nascono dalla sostituzione

crescente di molte occupazioni con nuove tecnologie. In un contesto di forte transizione come

quello attuale, andranno rafforzati in molti paesi i sistemi di sicurezza per chi perde il lavoro.

In ogni caso, le risposte al rallentamento di lungo periodo della crescita economica che molti

paventano non possono che essere molteplici e probabilmente differenziate tra paesi. Sostiene ad

esempio Benjamin Friedman25 che un’istruzione maggiore e di migliore qualità a cui far accedere

fasce sempre più crescenti della forza lavoro costituisce, almeno per gli Stati Uniti, una risposta

solo parziale e insufficiente a contrastare l’impatto della tecnologia sulle opportunità occupazionali

25 B. Friedman, “‘Brave new capitalists’ paradise’: The jobs”, cit. Sugli effetti asimmetrici sulla distribuzione dei redditi

delle nuove tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni, dovuti alla diversa complementarità tra computer e

lavori non di routine rispettivamente ad alto e basso contenuto di capitale umano, cfr. C. Goldin e L.F. Katz, The race

between education and technology, Cambridge, MA, The Belknap Press, 2008.

14

e retributive. Sul tema ricorda però Ned Phelps26 che non si tratta di aumentare indefinitamente il

numero dei laureati in discipline tecnico-scientifiche, già numerosi nei principali paesi, ma di

puntare sull’innovazione e sul dinamismo individuale, sulla creatività e sullo spirito di adattamento

che molto devono anche alla consuetudine, da continuare a coltivare nelle scuole e nelle università,

con le discipline umanistiche: storia, filosofia, letteratura27.

Brynjolfsson, McAfee e Spence28 ripropongono con spirito nuovo una strategia non nuova ma,

sottolineano, “intellettualmente semplice, ancorché politicamente difficile”, fondata sullo stimolo

prodotto dall’investimento pubblico in aree nelle quali i rendimenti sociali sono particolarmente

elevati: la ricerca di base nelle scienze, nella tecnologia e nella salute; ancora la spesa per l’istruzione;

le infrastrutture, oltre che in strade o aeroporti, in sistemi idrici e discariche, reti elettriche e di

comunicazione. Sull’impatto che l’investimento in infrastrutture può avere sulla domanda nel breve

periodo e sull’offerta nel medio ritorna con forza il Fondo monetario internazionale nel suo ultimo

World Economic Outlook29. In Europa, sostiene con altri Bart van Ark30, se il problema principale

ancora consiste nel come ovviare ai difetti di crescita della produttività, va rapidamente colmato il

ritardo delle imprese nell’adozione delle nuove tecnologie digitali.

Ancor prima di chiederci cosa ci riservi il futuro oggi, in Europa e in Italia, bisogna partire

dall’osservazione che esiste un grave difetto di domanda, e quindi di occupazione e di redditi, oltre

che di crescita. Come ho avuto modo di dire in altre occasioni, uno stimolo forte all’investimento,

pubblico e privato, nazionale ed europeo è essenziale. Lo stesso innalzamento del tasso di crescita

della produttività richiede investimenti mirati, in nuove tecnologie ma anche in quelle infrastrutture

immateriali che potranno poi avere nel medio-lungo periodo rendimenti crescenti.

Se non si investe per l’elevatezza, in alcuni paesi, del costo del capitale, per i dubbi sulla

domanda attesa, per l’incertezza sullo stato e la continuità delle “riforme strutturali”, è responsabilità

della politica e delle politiche economiche – e anche di chi ha posizioni di vertice nella società civile,

nell’informazione, nella formazione – operare con determinazione, lungimiranza e unità di intenti per

26 E. Phelps, Mass flourishing – How grassroots innovation created jobs, challenge, and change, Princeton, Princeton

University Press, 2014.

27 Claudia Goldin e Lawrence Katz osservano che ciò che più importa nella “gara” tra istruzione e tecnologia sono le

competenze cognitive e le capacità di relazioni interpersonali (cfr. C. Goldin e L.F. Katz, The race between education

and technology, cit.).

28 E. Brynjolfsson, A. McAfee e M. Spence, “New world order”, Foreign Affairs, July-August 2014.

29 IMF, World Economic Outlook, cap. 3, ottobre 2014.

30 B. van Ark, “Productivity and digitalization in Europe: Paving the road to faster growth”, Lisbon Council Policy

Brief 8, 1, The Lisbon Council, Bruxelles, 2014. Van Ark si rifà in particolare alla cosiddetta “legge di Metcalfe” (da

Robert Metcalfe, cui si deve l’invenzione della rete Ethernet) per sottolineare gli effetti più che proporzionali sulla

produttività degli investimenti in tecnologie digitali (in generale, degli effetti di rete o di interconnessione attribuibili a

tali tecnologie).

15

rimuovere tali impedimenti. In Italia, in particolare, a fronte di una società e di un’economia

sostanzialmente ferme da ben prima della crisi finanziaria, è assai ampio il potenziale di

miglioramento che si può ottenere rimuovendo vincoli e rigidità, accelerando l’adozione delle nuove

tecnologie, colmando la distanza dalla frontiera produttiva in molti settori, innalzando lo stato

generale delle infrastrutture, anche quelle più tradizionali.

Nella ricerca di un “nuovo” modello di sviluppo, o almeno di un ritorno a una crescita

economica sostenibile ed equilibrata, si può partire dall’osservazione di Acemoglu e Robinson31 su

quanto sia importante mantenere una società pluralista e rinnovare, in una direzione più solidale

(inclusive), le istituzioni politiche ed economiche. Non è sufficiente, in particolare, enunciare

obiettivi ragionevoli se non vi sono le condizioni per raggiungerli.

In alcuni casi è difficile che queste condizioni si presentino. L’obiettivo di riportare il valore

aggiunto dell’industria manifatturiera al 20 per cento del PIL (com’era un decennio e più fa, a

fronte del 15-16 per cento di oggi), proposto con una certa enfasi nella strategia avanzata dalla

Commissione europea per i prossimi anni, si scontra con ovvii ostacoli storici e metodologici. Da

un lato, è altamente probabile, anche per l’affermarsi dell’automazione, che il valore aggiunto

provenga sempre più da settori diversi dalla manifattura. Questo non ne riduce l’importanza, come

d’altra parte è stato per l’agricoltura, nell’economia di una nazione e nei valori di una società, ma

rende chiaro il rischio di sopravvalutarne le potenzialità in termini di creazione di nuovi posti di

lavoro. Dall’altro lato, le stesse definizioni settoriali tendono a divenire obsolete con il diffondersi

delle nuove tecnologie.

Ricordiamo l’obiettivo delle tre “I” (impresa, inglese, informatica) annunciato dal

Governo venti anni fa? Purtroppo, è immediato vedere quanto indietro siamo rimasti su tutti e tre

questi fronti. Non per implausibilità o vaghezza dell’obiettivo, ma per l’insufficienza delle

condizioni di fondo – ambientali, culturali e politiche – necessarie per realizzarlo. Vi sono

certamente vincoli finanziari; ma io non credo che le carenze nell’investimento in conoscenza,

nella salvaguardia dell’ambiente e nella manutenzione del territorio, nella valorizzazione delle

straordinarie ricchezze di arti e tradizioni del nostro paese dipendano solo da questi vincoli. Vi è

un grave difetto nella nostra capacità di comprenderne la fondamentale importanza come

investimento per il futuro, anche prossimo.

31 D. Acemoglu e J. Robinson, Why nations fail: The origins of power, prosperity, and poverty, New York, Crown

Publishing, 2012 (trad. it. Perché le nazioni falliscono. Alle origini di potenza, prosperità, e povertà, Milano, Il

Saggiatore, 2013).

16

Possiamo esercitarci nel formulare scenari futuri, ma non saremo in grado di prevedere come

sarà la società o l’economia da qui a venti o trent’anni. Quando ci si chiede come fare per avere più

domanda, più reddito, più occupazione, o quando si sottolinea l’esigenza di formulare “nuove”

politiche industriali, l’obiettivo primario non può che essere quello di rendere il nostro sistema

economico e sociale più capace di affrontare e rendere possibile il cambiamento.

Sicuramente le pressioni concorrenziali della globalizzazione e la sfida delle macchine

richiedono grandi cambiamenti nell’organizzazione del lavoro e necessari adeguamenti nell’istruzione,

nella formazione e nello stato delle infrastrutture. Il loro ritardo determinerebbe una terza ragione di

possibile ristagno, sottolineata di recente da Barry Eichengreen32, in aggiunta o in alternativa alla

carenza di domanda enfatizzata da Larry Summers e al rallentamento della crescita della produttività

pronosticato da Bob Gordon, che potrebbe diventare la più importante.

Non bisogna tanto temere l’impatto diretto delle nuove tecnologie e dell’automazione sui

posti di lavoro quanto operare per trarre vantaggio dalla grande riduzione dei costi che da esse

discende. L’espansione dei settori innovativi costituisce ormai il principale motore della crescita

dell’occupazione e della produttività. In un saggio recente di grande successo Enrico Moretti mostra

come a ogni lavoro hi-tech creato in una data area metropolitana negli Stati Uniti si associno cinque

nuovi posti di lavoro in settori tradizionali a basso contenuto di istruzione e competenze33. Si dovrà

lavorare in modo diverso, in posti e luoghi diversi, lungo un arco vitale nel quale la formazione sarà

permanente e continua.

Bisognerà acquisire le competenze necessarie per il XXI secolo: l’esercizio del pensiero

critico, l’attitudine alla risoluzione dei problemi, la creatività e la disponibilità positiva nei confronti

dell’innovazione, la capacità di comunicare in modo efficace, l’apertura alla collaborazione e al

lavoro di gruppo. Questo, continuando ad accrescere l’investimento in conoscenza, nella scuola e

nell’università, e mirando a colmare con decisione il gravissimo difetto di “competenza alfabetica

funzionale” rilevato per il nostro paese da ultimo lo scorso anno nell’ambito del Programma

internazionale per la valutazione delle competenze degli adulti (PIAAC) condotto dall’OCSE34. Un

investimento in conoscenza che non può che essere attento agli sviluppi scientifici e al progresso

tecnologico, nella consapevolezza, però, del valore e dell’importanza anche concreta della nostra

32 B. Eichengreen, “Secular stagnation: A review of the issues”, nell’eBook di VoxEU, Secular stagnation: Facts,

causes and cures, cit.

33 E. Moretti, The new geography of jobs. Boston-New York, Houghton Mifflin Harcourt, 2012 (trad. it. La nuova

geografia dei lavori, Milano, Mondadori, 2013).

34 OECD, OECD Skills Outlook 2013: First results from the survey of adult skills, Parigi, novembre 2013. Cfr., su

questi temi, I. Visco, Investire in conoscenza, Bologna, il Mulino, 2014².

17

tradizione umanistica – e superando una volta per tutte la polemica che vide coinvolti un secolo fa

grandi figure della nostra cultura quali Federigo Enriques e Benedetto Croce.

Più volte ho richiamato l’importanza di un disegno organico nella definizione delle riforme

strutturali di cui tutti pensiamo vi sia bisogno in Italia. Questo trova la sua più evidente

esemplificazione nella difficoltà di migliorare le condizioni per fare impresa e far crescere nuove

imprese, anche nei servizi richiesti dai (nuovi) bisogni di una società meno giovane. Vuol dire

creare un ambiente più favorevole, con la rimozione degli ostacoli burocratici e amministrativi,

decisi miglioramenti nella giustizia, nella scuola, nelle infrastrutture, ma anche un contesto nel

quale si rispettino le regole, si contrasti l’illegalità e si combatta la criminalità.

Molto del nostro progresso dipende poi dall’essere in Europa. Sono, questi, momenti difficili

nel percorso verso una piena Unione europea, e non è questa l’occasione per riparlarne. Dato il tema

oggi trattato, vorrei solo ricordare che Nino Andreatta, in un saggio di quasi cinquant’anni fa35,

vedeva il divario tecnologico già allora esistente tra Europa e Stati Uniti come un fondamentale

“stimolo politico per l’Europa”. L’esempio del ruolo dell’amministrazione federale americana nel

finanziamento della ricerca scientifica e nella creazione di un mercato per i prodotti delle industrie

“a confronto scientifico” serviva ad Andreatta per sottolineare quanto fosse importante una seria

valutazione delle “conseguenze negative dell’esistenza di una pluralità di politiche di acquisto delle

amministrazioni nazionali, politiche che sollecitano un inefficiente moltiplicarsi di sforzi di ricerca

nei singoli paesi e rallentano la crescita delle dimensioni dei mercati”. Ancora oggi molto si

potrebbe guadagnare dalla messa in comune da parte degli Stati membri dell’Unione europea di

ampi comparti – dagli investimenti infrastrutturali alla ricerca, dalla sicurezza alla difesa – dei

nostri bilanci pubblici, nel processo che dall’Unione monetaria ed economica, passando per

l’Unione bancaria e quella fiscale e del bilancio, tende – o dovrebbe tendere – all’Unione politica.

Per concludere, i tempi stanno ancora cambiando; i tempi cambiano sempre. Più che anticipare

il cambiamento, è importante esservi preparati, ricercare, creare le condizioni migliori per coglierne le

opportunità e ridurre i rischi, per agevolare un progresso ampiamente ed equamente distribuito.

35 B. Andreatta, “Tecnologia ed economia nella controversia sul divario tra America ed Europa”, il Mulino, 2, 1968.

18

Grafica e stampa a cura

della Divisione Editoria e stampa della Banca d’Italia

***************

Fonte: sito della Banca d'Italia