Consiglio dei Ministri n. 10 del 27 Gennaio 2017

 

Il Consiglio dei ministri si è riunito oggi, venerdì 27 gennaio 2017, alle ore 9.15 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Paolo Gentiloni. Segretario la Sottosegretaria alla Presidenza Maria Elena Boschi.
*****

CONCESSIONI DEMANIALI

Delega al governo per la revisione e il riordino della normativa relativa alle concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali ad uso turistico ricreativo (disegno di legge)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per gli affari regionali Enrico Costa, ha approvato un disegno di legge di delega al governo per la revisione e il riordino della normativa relativa alle concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali ad uso turistico ricreativo per favorire, nel rispetto della normativa europea, lo sviluppo e l’innovazione dell’impresa turistico-ricreativa.

La delega, che mira anche al superamento delle problematiche che la normativa nazionale pone in relazione a quella europea come evidenziate da ultimo dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea con la sentenza del 14 luglio 2016, elenca i principi e i criteri direttivi cui il Governo deve attenersi, prevedendo in particolare modalità di affidamento delle concessioni nel rispetto dei principi di concorrenza, di qualità paesaggistica e di sostenibilità ambientale, di valorizzazione delle diverse peculiarità territoriali, di libertà di stabilimento, di garanzia dell’esercizio, dello sviluppo, della valorizzazione delle attività imprenditoriali e di riconoscimento e tutela degli investimenti, dei beni aziendali e del valore commerciale, mediante procedure selettive che assicurino imparzialità, trasparenza e pubblicità e che tengano conto della professionalità acquisita nell’esercizio di concessioni di beni demaniali marittimi, nonché lacuali e fluviali, per finalità turistico-ricreative.

Dovranno, altresì essere stabiliti adeguati limiti minimi e massimi di durata delle concessioni entro i quali le regioni potranno a loro volta fissare la durata delle stesse per assicurare un uso rispondente all’interesse pubblico, prevedendo anche che le regioni, per garantire la pluralità e la differenziazione dell’offerta, possano disporre limitazioni sul numero massimo di concessioni negli ambiti territoriali di riferimento per singolo operatore economico.

Proprio per le innovazioni che verranno introdotte, è previsto tra i principi e criteri direttivi un adeguato periodo transitorio per l’applicazione della disciplina di riordino.

Il Governo viene, inoltre, delegato alla revisione dei canoni concessori, che dovranno essere determinati con l’applicazione di valori tabellari, tenendo conto della tipologia dei beni oggetto di concessione, anche con riguardo alle pertinenze e alle relative situazioni pregresse. Nel caso di concessioni demaniali di più elevata valenza turistica, il canone è maggiorato e una quota, calcolata in percentuale sulle maggiori entrate annue rispetto alle previsioni di bilancio, destinata alla regione di riferimento.

Oltre, infine, al coordinamento formale e sostanziale delle disposizioni legislative vigenti, è previsto l’aggiornamento delle procedure, anche mediante la previsione dell’utilizzazione delle tecnologie digitali dell’informazione e della comunicazione, finalizzate al rafforzamento del sistema informativo demanio marittimo.

*****

SANZIONI PER VIOLAZIONE DI NORME EUROPEE A TUTELA DEI CONSUMATORI

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni e del Ministro della giustizia Andrea Orlando, ha approvato in esame definitivo due decreti legislativi che disciplinano le sanzioni applicabili in caso di violazione di regolamenti europei a tutela dei consumatori:

1.disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 1924/2006 relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari

Con il provvedimento si predispone l’apparato sanzionatorio, costituito da sanzioni amministrative pecuniarie, per le violazioni degli obblighi contenuti nel regolamento relativamente, in modo particolare, alle prescrizioni circa l’etichettatura di presentazione e di pubblicità degli alimenti. I compiti di vigilanza e controllo sull’adempimento degli obblighi fanno capo al Ministero della salute, alle regioni, alle province autonome di Trento e Bolzano e alle Asl, secondo gli ambiti di rispettiva competenza. Restano ferme comunque le attribuzioni dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato in materia di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa.

2.disciplina sanzionatoria per le violazioni delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 767/2009 sull’immissione sul mercato e sull’uso dei mangimi

Il provvedimento stabilisce che le sanzioni saranno applicate al responsabile dell’etichettatura o all’operatore del settore dei mangimi. Saranno previste sanzioni specifiche per l’uso ingannevole di claim e dell’etichettatura facoltativa in genere. Saranno, inoltre, modulate le sanzioni per il mancato rispetto delle tolleranze di etichettatura, a seconda che si tratti di una discrepanza dei tenori analitici (ceneri, fibra etc.) o dei livelli di additivi. Verranno poi previste sanzioni più gravi per le condotte che compromettono la sicurezza dei mangimi, quali l’immissione sul mercato di mangimi contaminati senza le indicazioni di etichettatura previste o di materiali soggetti a divieto di utilizzo nei mangimi.

*****

CONVENZIONE CONTRO LA MANIPOLAZIONE DELLE COMPETIZIONI SPORTIVE

Adesione alla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione di competizioni sportive, fatta a Magglingen il 18 settembre 2014 (disegno di legge)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Angelino Alfano e del Ministro per lo sport Luca Lotti, ha approvato un disegno di legge per l’adesione dell’Italia alla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione di competizioni sportive, fatta a Magglingen il 18 settembre 2014.

Nello specifico, la Convenzione mira a:

-prevenire conflitti di interesse tra gli operatori delle scommesse sportive e gli organizzatori;

-incoraggiare le autorità di controllo delle scommesse sportive a lottare contro la frode, limitando o sospendendo, se necessario, la possibilità di effettuare scommesse sportive;

-lottare contro le scommesse sportive illecite, consentendo la chiusura o la limitazione dell’accesso agli operatori coinvolti e il blocco dei flussi finanziari tra questi ultimi e i consumatori.

In attuazione di quanto previsto dalla Convenzione, il ddl identifica nell’Agenzia delle dogane e dei monopoli l’Autorità nazionale per la regolamentazione delle scommesse sportive. Viene inoltre introdotta una specifica disposizione in merito alla confisca dei beni che costituiscono il prodotto, il profitto o il prezzo del reato e viene sanzionata la responsabilità da reato della persona giuridica a vantaggio della quale ha agito il reo. Si prevede poi che le organizzazioni sportive e gli organizzatori delle competizioni adottino e implementino regole più rigide per combattere la corruzione. Infine, vengono previste adeguate garanzie per informatori e testimoni.

*****

CELEBRAZIONI PER LEONARDO, RAFFAELLO E DANTE

Disposizioni per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e di Raffaello Sanzio e dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri (disegno di legge)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, ha approvato un disegno di legge che mira, in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e Raffaello Sanzio (che si celebrano rispettivamente nel 2019 e nel 2020) e dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri (2021), a garantire adeguato risalto alla vita, al pensiero e alle opere di tali artisti di straordinaria importanza. Il ddl prevede quindi l’istituzione di tre distinti Comitati nazionali che avranno il compito di ideare e realizzare le manifestazioni celebrative legate ai tre anniversari.

*****

SCIOGLIMENTO PER INFILTRAZIONI CRIMINALI DEL COMUNE DI SCAFATI (SA)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni da parte della criminalità organizzata del Consiglio comunale di Scafati (SA).

*****

PROROGA DELLO STATO DI EMERGENZA NELLA PROVINCIA DI FOGGIA

Il Consiglio dei ministri ha prorogato di 180 giorni lo stato di emergenza già dichiarato il 28 luglio scorso in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che tra l’11 e il 18 marzo 2016 hanno colpito il territorio della provincia di Foggia.

*****

NOMINE

Il Consiglio dei ministri ha deliberato:

-su proposta del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Angelino Alfano, la nomina al grado di ambasciatore del dott. Gian Lorenzo CORNADO, della dott.ssa Emanuela D’ALESSANDRO (confermata nella posizione di fuori ruolo), della dott.ssa Maria Angela ZAPPIA (confermata nella posizione di fuori ruolo) e del dott. Francesco Maria TALÒ;

-su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze Pier Carlo Padoan, la promozione del generale di divisione in s.p.e. del ruolo normale della Guardia di finanza Sebastiano GALDINO al grado di generale di corpo d’armata, nonché l’avvio della procedura per il rinnovo per sei mesi dell’incarico di Direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli al dott. Giuseppe PELEGGI. Su tale rinnovo dovrà essere acquisito il parere della Conferenza unificata, come previsto dall’articolo 67 del decreto legislativo n. 300 del 1999;

-su proposta del Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina, la nomina del prof. Enrico CORALI a Presidente dell’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare – ISMEA. Dopo l’avvio della procedura deliberato dal Consiglio dei ministri del 23 dicembre 2016, le Commissioni parlamentari competenti hanno espresso parere favorevole alla nomina il 24 gennaio scorso.

Il Consiglio dei Ministri è stato inoltre sentito in ordine alla nomina dell’avv. Ignazio Francesco CARAMAZZA a componente della Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi. 

*****

MOVIMENTO DI PREFETTI

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, ha approvato il seguente movimento di Prefetti:

LAMORGESE dott.ssa Luciana - da Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Milano

MORCONE dott. Mario - da Capo del Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione, è destinato a svolgere le funzioni di Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno

PANTALONE dott.ssa Gerarda - da Napoli, è destinata a svolgere le funzioni di Capo del Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione

PAGANO dott.ssa Carmela - da Bari è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Napoli

MAGNO dott.ssa Marilisa - da Potenza, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Bari

CAGLIOSTRO dott.ssa Giovanna Stefania - da Lucca, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Potenza

SIMONETTI dott.ssa Maria Laura - da Prato, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Lucca

SCIALLA dott.ssa Rosalba - è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Prato, cessando dalla posizione di disponibilità

RICCIO dott.ssa Silvana - è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Catania, cessando dalla disposizione con incarico

FEDERICO dott.ssa Maria - da Catania, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Campobasso

IMPRESA dott.ssa Patrizia - da Padova, è collocata a disposizione ai sensi della legge n. 410/91 con incarico di Vice Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno per l'espletamento delle funzioni vicarie

FRANCESCHELLI dott. Renato - da Direttore Centrale dei servizi tecnico- logistici e della gestione patrimoniale presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Padova

GUERCIO dott.ssa Cinzia - da Ispettore Generale di Amministrazione, è destinata a svolgere le funzioni di Direttore Centrale dei servizi tecnico-logistici e della gestione patrimoniale presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza

GRADONE dott. Armando - da Siracusa, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Siena

CASTALDO dott. Giuseppe - nominato Prefetto, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Siracusa

GUIDATO dott. Umberto - da Taranto, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Vicenza

CAFAGNA dott. Donato Giovanni - è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Taranto, cessando dalla posizione di disponibilità

RICCI dott. Enrico - nominato Prefetto, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Massa Carrara

D'ANDREA dott.ssa Fabia - è destinata a svolgere le funzioni di Direttore Centrale per gli affari generali e per la gestione          delle risorse finanziarie e strumentali presso il Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione, cessando dalla posizione di fuori ruolo presso il Ministero della Salute

MARANI dott. Giuseppe - nominato Prefetto, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Sassari

SERAFINI dott.ssa Roberta - nominata Prefetto, è collocata fuori ruolo ai fini    del conferimento dell'incarico di Componente   del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana

GARUFI dott. Antonio Lucio - nominato Prefetto, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di La Spezia

GALLO dott.ssa Annunziata - è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Biella, cessando dalla posizione di fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia

ROLLI dott.ssa Iolanda - nominata Prefetto, è collocata a disposizione con incarico

AMATO dott.ssa Caterina - nominata Prefetto, è collocata a disposizione con incarico

PARISI dott.ssa Daniela - nominata Prefetto, è destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Nuoro

GUETTA dott. Giuseppe - nominato Prefetto, è destinato a svolgere le funzioni di Prefetto di Oristano

SENSI dott. Emilio Dario - nominato Prefetto, è collocato in posizione di fuori   ruolo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ai fini del conferimento dell'incarico di Rappresentante del Governo per la Regione Sardegna

DE BIAGI dott. Paolo - nominato Prefetto, è collocato in posizione di disponibilità

D'ALESSANDRO dott.ssa Maria Luisa - nominata Prefetto, è collocata a disposizione con incarico

*****

TAP, COSTITUZIONE NEL CONFLITTO DI ATTRIBUZIONE CON LA PUGLIA

Il Consiglio dei ministri ha deliberato la costituzione dello Stato nel giudizio per conflitto di attribuzione promosso dalla Regione Puglia avverso il silenzio da parte del Ministero dello sviluppo economico alla richiesta della Regione stessa di riesaminare, a seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 110 del 2016, il procedimento che ha condotto al rilascio dell’autorizzazione per il gasdotto TAP (Metanodotto d’importazione Albania-Italia “Trans Adriatic Pipeline”).

****

Fonte: sito del Governo