22° Congresso ASSIOM Forex

                                                             Intervento del Governatore della Banca d’Italia

                                                                                       Ignazio Visco

                                                                  Torino, 30 gennaio 2016

1. La congiuntura economica

All’inizio dell’anno le prospettive congiunturali a livello internazionale si sono fatte più incerte.

Nei paesi avanzati la ripresa prosegue, ma appare meno robusta di quanto si sperasse solo pochi mesi fa.

In Cina, come in altri paesi emergenti, la crescita rallenta; si è accentuato il timore di un’ulteriore

decelerazione. L’indebolimento della domanda contribuisce a mantenere su livelli storicamente bassi i

prezzi del petrolio e delle altre fonti di energia e a ridurre quelli di altre materie prime.

Nell’area dell’euro la crescita prosegue a ritmi moderati, ma l’inflazione stenta a riportarsi

su un sentiero coerente con la stabilità dei prezzi; vi sono rischi di retroazione dalle dinamiche dei

prezzi al consumo a quelle salariali e di disancoraggio delle aspettative. Il Consiglio direttivo della

BCE ha deciso che l’orientamento della politica monetaria sarà riconsiderato in marzo, quando

saranno disponibili le nuove proiezioni macroeconomiche; ha riconfermato che non ci sono limiti

alla possibilità di utilizzare gli strumenti a sua disposizione per rispettare il suo mandato.

La politica monetaria sta sostenendo l’attività economica nell’area e non rinuncia a

perseguire il suo obiettivo con determinazione, contrastando l’impatto deflazionistico degli sviluppi

internazionali. Essa non può però agire da sola; rischi che riguardano la crescita e la stabilità

finanziaria vanno affrontati con il contributo delle politiche di bilancio e la prosecuzione dello

sforzo di riforma.

In Italia la ripresa procede a ritmi in linea con l’area dell’euro. Si è indebolita, come nel

resto dell’area, la spinta delle esportazioni, ma si è rafforzato il contributo della domanda interna,

grazie alla crescita dei consumi delle famiglie e all’aumento delle scorte; è ancora discontinuo il

recupero degli investimenti, che risentono dell’incertezza sulla domanda estera. Sono proseguiti

l’incremento degli occupati e la ricomposizione delle assunzioni verso forme contrattuali più stabili,

favorita dagli sgravi contributivi e dalla nuova disciplina dei rapporti di lavoro.

Negli ultimi mesi dello scorso anno i prestiti bancari al settore privato sono tornati a

crescere; si sono stabilizzati, pur con oscillazioni, quelli alle imprese; i prestiti alle famiglie, già in

crescita, hanno accelerato. Dall’estate hanno ripreso ad aumentare i mutui per l’acquisto di

abitazioni. Il costo medio dei nuovi prestiti alle imprese e dei nuovi mutui alle famiglie si è ancora

ridotto, all’1,9 e al 2,6 per cento rispettivamente in novembre; la differenza con la media dell’area si

è annullata per i primi ed è meno di 0,3 punti percentuali per i secondi.

Restano divari non trascurabili tra le imprese vulnerabili e quelle in buona salute,

generalmente di maggiori dimensioni e soprattutto esportatrici. In novembre la crescita annua del

credito bancario era pari al 4,0 per cento nel settore manifatturiero, solo lievemente positiva in quello

dei servizi – su cui incide la contrazione del credito alle aziende collegate al comparto immobiliare –

e ancora negativa per le costruzioni. Mentre crescevano i prestiti per le imprese con almeno 20

addetti, erano ancora in calo quelli alle aziende di dimensioni minori. Il divario di costo tra i prestiti di

importo rispettivamente inferiore e superiore a un milione di euro è di 1,5 punti percentuali, 0,4 punti

in meno del massimo toccato durante la crisi; era di 0,7 punti all’inizio del 2008.

Come indicato nel nostro Bollettino economico, il prodotto in Italia potrebbe crescere

attorno all’1,5 per cento sia nel 2016 sia nel 2017. Questo scenario presuppone che prosegua il

rafforzamento della domanda interna, in particolare degli investimenti. L’incertezza del contesto

internazionale e i suoi riflessi, talora disordinati e violenti, sui mercati finanziari costituiscono

evidenti elementi di rischio.

Nelle ultime settimane i mercati azionari hanno mostrato movimenti bruschi; è stata

particolarmente elevata la volatilità delle quotazioni delle banche, in special modo per alcuni

intermediari italiani. Vi hanno influito, oltre alle incertezze sul quadro internazionale, dubbi e

preoccupazioni emersi sulla qualità degli attivi, connessi anche con la lettura allarmistica di una

richiesta puramente informativa della Vigilanza europea.

Tensioni di questa portata non trovano giustificazione nelle condizioni di fondo delle banche

italiane. Come ribadito recentemente anche dal Presidente della BCE, i prestiti deteriorati nei loro

bilanci sono stati esaminati nell’ambito dell’esercizio di valutazione approfondita (il comprehensive

assessment) condotto nel 2014; gli accantonamenti necessari sono stati effettuati; non ci saranno

nuove richieste di maggiori accantonamenti o di rafforzamento patrimoniale. La volatilità è stata

alimentata anche dal clima che si è determinato attorno alla risoluzione di quattro banche che si

trovavano in amministrazione straordinaria.

 2. La vicenda delle quattro banche poste in risoluzione

Lo scorso 22 novembre il Governo e la Banca d’Italia hanno applicato le nuove norme

approvate dal Parlamento italiano in recepimento della direttiva europea sul risanamento e la

risoluzione delle crisi bancarie (Bank Recovery and Resolution Directive, BRRD), risolvendo la

crisi di Banca delle Marche, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara,

Cassa di Risparmio di Chieti. Nel complesso, esse detenevano circa l’1 per cento dei depositi

                                                                       4

bancari del Paese. Al dissesto di queste banche, colpite come tutte le altre dal deterioramento della

qualità dei prestiti derivante dalla lunga e profonda fase recessiva dell’economia italiana, hanno

contribuito gravi fenomeni di mala gestio.

Informazioni dettagliate sulla gestione di queste crisi e sugli interventi di vigilanza che le

avevano precedute sono fornite nei documenti resi disponibili oggi sul sito della Banca d’Italia, che

fanno seguito alla nota pubblicata lo scorso 20 dicembre con chiarimenti sul decreto “salva-banche”.

Siamo ovviamente pronti a dare, nelle sedi e nelle forme che il Parlamento riterrà opportune, ogni

ulteriore chiarimento.

In linea con le disposizioni di legge, la decisione di porre una banca in amministrazione

straordinaria viene adottata a fronte di ingenti perdite e gravi irregolarità, tali da compromettere il

rispetto dei coefficienti patrimoniali e la sua stessa stabilità, quando non è più possibile che gli

amministratori designati dalla proprietà assicurino un credibile programma di risanamento

aziendale. Prima di procedere al commissariamento, si effettuano, a seconda delle circostanze,

interventi che includono un ricambio nelle strutture di governo societario, la predisposizione di

nuovi piani industriali, l’adozione di misure di rafforzamento patrimoniale, la cessione di attività o

rami d’azienda.

Questa sequenza di interventi è stata posta in atto, nei quattro casi in esame come in tutti gli

altri casi di crisi bancaria affrontati dalla Vigilanza (circa 100 negli ultimi 15 anni), con attenzione e

tempestività nel rispetto delle norme esistenti.

La procedura di risoluzione è stata avviata, in assenza di soluzioni alternative di mercato, data

l’irreversibilità del dissesto e l’emergere di insostenibili tensioni di liquidità. Nonostante l’impegno dei

commissari, e nonostante l’avvio di trattative con varie possibili controparti, non si sono concretizzate

offerte da parte di investitori disposti ad assumersi i rischi connessi con le attività deteriorate, in un

contesto di peggiorate condizioni macroeconomiche e di mutate previsioni normative.

A differenza di quanto accaduto in crisi passate, non è stato possibile avvalersi della

disponibilità di intervento manifestata dal Fondo interbancario di tutela dei depositi, perché

nell’interpretazione della Commissione europea gli interventi del Fondo, ancorché effettuati con

risorse delle banche partecipanti, sarebbero assimilabili ad aiuti di Stato e come tali – secondo la

prassi annunciata e seguita dalla Commissione fin dal 2013, sulla quale tornerò più avanti –

erogabili soltanto previa imposizione di perdite a carico di azionisti e creditori subordinati

(il cosiddetto burden sharing). A questo riguardo l’interazione tra la Commissione e il Governo

italiano è stata approfondita e laboriosa. Il documento pubblicato sul sito del Ministero

dell’economia e delle finanze lo scorso 23 dicembre chiarisce in dettaglio i termini della questione.

                                                                        5

In quella fase un contenzioso con la Commissione, anche innanzi alla Corte di giustizia

dell’Unione europea, avrebbe non solo determinato gravi incertezze per la stabilità del sistema,

con conseguenze ancora più gravi per le banche coinvolte e per i risparmiatori, ma avrebbe

anche richiesto alle stesse banche – ai sensi delle norme contabili – un accantonamento pari

all’esborso futuro connesso con un eventuale esito negativo della controversia, con rischi per la

prosecuzione della loro attività. L’intervento del Fondo avrebbe comunque richiesto

l’autorizzazione della BCE, in qualità di autorità di vigilanza, che a sua volta non avrebbe

potuto prescindere dal giudizio della Direzione della Commissione responsabile per la

concorrenza e gli aiuti di Stato.

Verificata l’assenza di alternative concrete, eccettuata quella ben più traumatica della

messa in liquidazione delle quattro banche, la Banca d’Italia, con l’approvazione del Ministro

dell’economia e delle finanze, ha applicato la nuova procedura di risoluzione prevista dalla

BRRD, non appena essa è stata recepita nell’ordinamento italiano, il 16 novembre 2015.

Il ricorso a tale procedura ha consentito di utilizzare i nuovi strumenti da essa introdotti, in

particolare l’istituzione di quattro banche-ponte e di una società di gestione delle sofferenze

delle banche in risoluzione. L’intervento ha garantito la continuità dei servizi essenziali forniti

dagli intermediari.

L’accertamento delle perdite e, quindi, dei costi della risoluzione è stato condotto non in modo

discrezionale, ma in base a precise norme europee. La valutazione particolarmente conservativa delle

sofferenze risponde alle previsioni della BRRD e all’interpretazione della disciplina sugli aiuti di

Stato assunta dalla Commissione nel confronto con il Governo italiano; corrisponde

all’approssimazione del valore teorico che avrebbero assunto, in media, nell’ipotesi di una loro

immediata cessione sul mercato. I costi sono stati sopportati, oltre che dai detentori di azioni e

obbligazioni subordinate, per la maggior parte dal sistema bancario attraverso il neo-costituito Fondo

di Risoluzione; non vi sono stati trasferimenti di risorse pubbliche. Il considerevole sacrificio per

azionisti e detentori di obbligazioni subordinate era inevitabile nel nuovo quadro regolamentare.

In assenza di questo intervento, una liquidazione coatta amministrativa avrebbe disperso valore e

generato perdite anche per i titolari di obbligazioni ordinarie e di depositi non garantiti; avrebbe

impedito il proseguimento della normale attività bancaria; si sarebbe ripercossa sull’intero tessuto

economico locale.

Grazie alla nuova dotazione patrimoniale e alla buona qualità degli attivi, e sotto la guida di

organi sociali interamente rinnovati, le banche-ponte a cui sono stati ceduti i complessi aziendali

hanno ripreso a erogare prestiti alle economie locali, una funzione che gli intermediari in crisi non

                                                                    6

riuscivano più ad assolvere. In particolare, le nuove banche emerse dall’intervento sono state

ripulite dalle sofferenze e ricapitalizzate, creando così i presupposti per renderle appetibili sul

mercato. Nell’approvare il pacchetto di salvataggio, la Commissione europea ha chiesto di

effettuare la cessione delle nuove banche sul mercato in tempi molto rapidi. L’iter di dismissione è

stato avviato nei giorni scorsi.

Il Parlamento ha recentemente disposto l’istituzione di un Fondo di solidarietà – interamente

a carico del sistema bancario – per erogare indennizzi a investitori che detenevano obbligazioni

subordinate emesse dalle quattro banche poste in risoluzione; nella procedura arbitrale la

corresponsione degli indennizzi è condizionata all’accertamento delle responsabilità a carico delle

banche per violazione degli obblighi di diligenza, correttezza e trasparenza previsti dal Testo unico

della finanza. Le modalità e le condizioni di accesso al fondo dovranno essere stabilite con decreti

ministeriali. La Banca d’Italia assicura alle autorità coinvolte tutta la collaborazione richiesta.

In base alla normativa vigente, e in linea con l’ordinamento europeo, la Banca d’Italia non

esercita controlli sull’emissione di obbligazioni o altri strumenti di raccolta bancaria; le decisioni

sono adottate autonomamente dall’intermediario e devono aver luogo nel rispetto dei limiti e delle

condizioni previsti dalla legge e dalle autorità preposte ai controlli.

Il risparmio affluisce al sistema bancario in forme e modalità eterogenee. Il deposito

bancario è la forma di risparmio che gode della massima protezione, su tre livelli: la vigilanza sulla

stabilità delle banche, ora affidata al meccanismo unico di supervisione europeo, di cui la Banca

d’Italia fa parte; le regole di trasparenza e correttezza imposte agli intermediari nell’apertura e

gestione dei depositi, sul cui rispetto vigila la Banca d’Italia; il sistema di garanzia che, in caso di

crisi, mette al riparo da qualsiasi perdita le somme depositate sino a 100.000 euro per ciascun

intestatario di un conto.

Le obbligazioni e le azioni delle banche sono strumenti di investimento. Non vi è una

garanzia di conservazione del valore, ma nel loro collocamento devono essere rispettati gli

obblighi di diligenza, correttezza e trasparenza a tutela degli investitori, armonizzati in ambito

europeo, e per ogni strumento devono essere correttamente rappresentati, e pienamente compresi,

rendimenti e rischi.

Le autorità di vigilanza svolgono, di norma senza che ciò divenga di dominio pubblico,

un’incessante attività di controllo sugli intermediari che versano in stato di difficoltà. Nella maggior

parte dei casi questa attività consente di prevenire l’insorgere di crisi ed evitare, quindi, i costi

connessi con la loro gestione e risoluzione. Nessuna attività di vigilanza, in nessun paese, è in grado

di azzerare il rischio di crisi bancarie, specialmente in periodi di grave recessione.

                                                                    7

3. Le nuove norme europee sulle crisi bancarie

La normativa sulle crisi bancarie persegue due obiettivi potenzialmente in contrasto:

il mantenimento della stabilità finanziaria – che induce a intervenire a sostegno delle banche in

difficoltà per evitare effetti sistemici – e la prevenzione di comportamenti opportunistici che gli

intermediari possono adottare nell’aspettativa di un intervento pubblico.

L’orientamento prevalso nelle sedi internazionali dopo la crisi finanziaria globale ha posto,

molto più che in passato, l’accento sul secondo obiettivo. A determinare questo mutamento di

indirizzo hanno sicuramente concorso i massicci interventi pubblici per salvataggi bancari che in

vari paesi hanno pesato sulle finanze dello Stato, in alcuni casi mettendone a repentaglio

l’equilibrio.

Per ridurre la probabilità e l’entità di salvataggi bancari a carico dei contribuenti, si sono

ricercate regole che consentissero di addossare in larga misura i costi di una crisi sui creditori delle

banche. Alla fine del 2015 il Financial Stability Board ha definito requisiti stringenti in materia di

capacità di assorbimento delle perdite da parte delle banche sistemiche a livello globale (Total Loss

Absorbing Capacity, TLAC), concentrandosi sugli strumenti subordinati e prevedendo un’entrata in

vigore graduale, entro il 2022, dei nuovi requisiti.

Nell’ordinamento europeo il cambiamento è stato drastico e repentino. Nel 2013 la

“Comunicazione” della Commissione europea aveva disposto l’applicazione immediata di un nuovo

regime di burden sharing che imponeva, in caso di crisi di una banca, perdite su azioni e

obbligazioni subordinate come precondizione per un intervento pubblico. Nel 2014 la BRRD,

approvata dal Consiglio e dal Parlamento europeo, ha esteso quello stesso regime, già a partire da

quest’anno, anche alle obbligazioni ordinarie e ai depositi superiori a 100.000 euro (il bail-in); tra

questi ultimi, quelli detenuti da famiglie e piccole imprese hanno un trattamento preferenziale.

Nell’ambito del regime di burden sharing e secondo le procedure di risoluzione definite dalla

BRRD, si è proceduto nel novembre scorso ad attuare gli interventi di risoluzione delle quattro

banche di cui ho appena parlato.

Nell’introdurre questo delicato cambiamento a livello europeo non si è prestata sufficiente

attenzione alla fase di transizione. Nel corso dei lavori tecnici per la definizione della direttiva il

Ministero dell’economia e delle finanze e la Banca d’Italia sostennero, senza trovare il necessario

consenso, che un’applicazione immediata e, soprattutto, retroattiva dei meccanismi di burden

sharing fino al 2015 e, successivamente, del bail-in avrebbe potuto comportare – oltre che un

aumento del costo e una rarefazione del credito all’economia – rischi per la stabilità finanziaria,

connessi anche col trattamento dei creditori in possesso di passività bancarie sottoscritte anni

                                                                   8

addietro, in tempi in cui le possibilità di perdita del capitale investito erano molto remote. Le nostre

valutazioni furono espresse nelle pubblicazioni ufficiali della Banca d’Italia. Sarebbe stato

preferibile un passaggio graduale e meno traumatico, tale da permettere ai risparmiatori di acquisire

piena consapevolezza del nuovo regime e di orientare le loro scelte di investimento in base al

mutato scenario. Un approccio mirato, con l’applicazione del bail-in solo a strumenti provvisti di

un’espressa clausola contrattuale, e un adeguato periodo transitorio avrebbero consentito alle

banche di emettere nuove passività espressamente assoggettabili a tali condizioni. Questo

approccio, in particolare l’accento sugli strumenti subordinati, sarebbe stato più in armonia con

quello adottato dal Financial Stability Board nel determinare i requisiti di TLAC.

La BRRD contiene una clausola che ne prevede la revisione, da avviare entro giugno 2018.

È auspicabile che questa occasione sia ora sfruttata, facendo tesoro dell’esperienza, per meglio

allineare la disciplina europea con gli standard internazionali.

Nel nostro paese la quota del risparmio delle famiglie investita in obbligazioni emesse

dalle banche è notevolmente più elevata che nella media dell’area dell’euro. Questa situazione si

è determinata principalmente per il trattamento fiscale in vigore tra il 1996 e il 2011, molto più

vantaggioso per gli interessi maturati sulle obbligazioni rispetto a quelli sui depositi a medio

termine. Dopo l’eliminazione di tale vantaggio, le obbligazioni, una volta giunte a scadenza, sono

state in larga parte sostituite con depositi e prodotti del risparmio gestito. Data la composizione

per scadenza, in assenza di nuovi acquisti le obbligazioni detenute dalle famiglie si

dimezzerebbero (da circa 200 a 100 miliardi) entro la fine del 2017, scenderebbero a meno di 20

miliardi nel 2020.

Nel nuovo regime di gestione delle crisi bancarie previsto dalla BRRD e con l’avvio del

meccanismo unico di risoluzione delle crisi nell’area dell’euro (Single Resolution Mechanism,

SRM), la procedura di risoluzione è prevista quando sussista un interesse pubblico, in particolare

l’esigenza di preservare la stabilità del sistema finanziario. Negli altri casi di crisi conclamata non vi

sarebbe alternativa alla liquidazione. Tra le iniziative che il sistema bancario italiano deve

considerare per contenere i costi di una crisi per i risparmiatori rientra la predisposizione di

meccanismi volontari di intervento, aggiuntivi rispetto ai sistemi obbligatori di garanzia dei

depositanti. L’attivazione di tali meccanismi non ricade, secondo gli orientamenti della

Commissione europea, nell’ambito della disciplina sugli aiuti di Stato. Il costo di partecipazione

sarebbe compensato dai benefici che ne trarrebbero tutti gli intermediari, grazie alla rafforzata

fiducia della clientela e all’accresciuta stabilità del sistema. L’opportunità di creare simili

meccanismi va valutata attentamente dalle banche.

                                                                           9

4. Le condizioni delle banche italiane

Il patrimonio delle banche italiane è oggi molto più elevato che in passato. Dalla fine del

2008 il coefficiente patrimoniale medio riferito al capitale di migliore qualità è cresciuto dal 7,1

al 12,3 per cento. A differenza di quanto avvenuto in altri paesi, il rafforzamento patrimoniale è

stato conseguito senza pesare sulle finanze pubbliche. Il limitato sostegno fornito dallo Stato

italiano alle banche ha generato alla fine guadagni netti per l’erario, per via di interessi e altre

forme di remunerazione; altri paesi hanno invece subito forti perdite. La crescita del capitale delle

banche italiane è stata realizzata sebbene la crisi ne abbia fortemente intaccato la contestuale

capacità di reddito.

Con l’inversione ciclica la redditività comincia a migliorare. Nei primi nove mesi dello

scorso anno il rendimento annualizzato del capitale e delle riserve (ROE) è stato del 5 per cento

circa, a fronte del 3 per cento registrato nello stesso periodo del 2014. L’incidenza delle perdite su

crediti sul risultato di gestione è scesa dal 70 al 57 per cento.

Sette anni di crisi hanno inevitabilmente lasciato il segno in termini di crediti inesigibili.

Dal 2008 sono fallite più di 90.000 imprese; oltre il 4 per cento delle famiglie ha subito decurtazioni

di reddito a causa della perdita del posto di lavoro di un loro componente; la produzione industriale

è oggi più bassa di oltre il 20 per cento; vi è quasi un milione di occupati in meno. Ne ha risentito la

capacità di famiglie e imprese di ripagare i propri debiti verso le banche. I crediti deteriorati hanno

raggiunto circa 360 miliardi, il 18 per cento del complesso dei prestiti; oltre la metà sono registrati

in sofferenza e soggetti a procedure di parziale recupero lunghe e onerose. La Vigilanza ha

assicurato, con l’avanzare della crisi, l’innalzamento progressivo dei tassi di copertura: la

svalutazione media delle partite deteriorate è oggi del 45 per cento, in linea con la media europea;

per le sofferenze sfiora il 60 per cento. A fronte delle esposizioni deteriorate le banche detengono

garanzie reali per circa 160 miliardi.

Con la ripresa dell’economia il flusso di nuove sofferenze si sta riducendo; prevediamo che

il miglioramento prosegua nei prossimi mesi. Lo smaltimento dello stock accumulato richiederà

tempo. Il suo elevato livello deprime la valutazione di mercato delle banche, rende più costosa la

raccolta di finanziamenti, richiede un elevato fabbisogno di capitale.

Da tempo sosteniamo l’opportunità di interventi volti non ad alleggerire singole banche in

difficoltà ma ad attenuare l’impatto della recessione profonda e prolungata che ha segnato la

nostra economia e a favorire lo sviluppo di un mercato privato dei crediti deteriorati laddove

questo stenta a formarsi da sé. Ne feci cenno in questa stessa sede due anni fa, osservando la

necessità di valutarne la compatibilità con l’ordinamento europeo. Non è stato tuttavia possibile

                                                                       10

realizzarli a causa dell’interpretazione che è stata data della disciplina sugli aiuti di Stato. A mio

avviso, questa interpretazione non tiene sufficientemente conto della gravità dello shock

macroeconomico; allo stesso tempo, mira a evitare la concessione, con l’intervento dello Stato, di

trattamenti di favore in una giurisdizione rispetto a un’altra. Un obiettivo, questo, certamente

condivisibile, che andrebbe forse letto su un orizzonte temporale più lungo di quello che inizia

con la crisi dei debiti sovrani.

Ma sono stati fatti, si possono ancora fare, progressi su altri fronti. Nell’estate dello scorso

anno sono stati adottati interventi sulle procedure fallimentari ed esecutive per ridurre i tempi di

recupero dei crediti. Anche se occorrerà ancora tempo per apprezzarne appieno i risultati,

indicazioni raccolte tra gli operatori di mercato segnalano che i primi effetti iniziano a emergere.

Ulteriori interventi normativi, che rafforzino quelli già varati, potrebbero ridurre ancora i tempi di

recupero: una ampia revisione della legge fallimentare, che introduca incentivi per una rapida

definizione delle procedure ed elimini ostacoli che impediscono o ritardano il raggiungimento di

soluzioni negoziali; nuove misure sull’organizzazione dei tribunali. In occasione dell’intervento

all’ABI del luglio dello scorso anno avevo sottolineato come una riduzione di due anni dei tempi di

recupero possa far diminuire considerevolmente, fino a dimezzarla, l’incidenza delle sofferenze sul

complesso dei prestiti.

Il Ministero dell’economia e delle finanze ha raggiunto un accordo con la Commissione

europea su uno schema di garanzia pubblica per il debito senior derivante dalla cartolarizzazione di

sofferenze. L’accordo non richiede alle banche ulteriori accantonamenti; esso segna un progresso

nella creazione di un mercato secondario dei prestiti deteriorati, ponendo fine all’incertezza dei

mesi scorsi. Il più agevole reperimento di risorse per finanziare l’acquisto di tali prestiti ne consente

una più rapida dismissione e può contribuire a un aumento non trascurabile dei prezzi di vendita.

Insieme con le possibili, ulteriori misure per accorciare i tempi di recupero dei crediti, lo schema

di garanzia potrà agevolare il riequilibrio dei bilanci delle banche italiane e la loro capacità di

finanziare l’economia reale. I mercati hanno reagito in modo altalenante all’annuncio dell’accordo;

una analisi accurata dei suoi contenuti e dei suoi effetti contribuirà a una valutazione positiva.

Le banche devono migliorare la propria capacità di intervento in questo campo. La Banca

d’Italia sta per avviare una specifica rilevazione statistica sulle sofferenze, volta ad agevolare lo

sforzo delle banche in questa direzione. È tempo che alla gestione dei crediti deteriorati siano

assegnate risorse proporzionate alla loro rilevanza nei bilanci, adottando, dove le dimensioni e il

modello di attività lo consentano, un approccio di tipo industriale. Altrimenti, occorre attivarsi per

affidarne la gestione a operatori specializzati, con guadagni di efficienza e di efficacia.

                                                                     11

Si possono inoltre gestire meglio quei crediti deteriorati (quasi un terzo del totale) che

fanno capo a imprese in temporanea difficoltà ma con concrete possibilità di rilancio, soprattutto

con il rafforzamento della ripresa economica. È essenziale a questo fine un adeguato

coordinamento tra le banche finanziatrici, che preveda anche l’intervento di operatori specializzati

nelle ristrutturazioni aziendali.

Un’altra fondamentale questione che le banche non possono eludere riguarda il

contenimento dei costi. Questa esigenza non deriva solo dalla prolungata fase di bassa inflazione e

di bassi tassi di interesse, che comprime il margine d’interesse; l’evoluzione del sistema finanziario

impone agli istituti di credito una maggiore efficienza operativa, specie a quelli che, come i nostri,

hanno un’attività orientata all’intermediazione tradizionale. Lo sviluppo tecnologico richiede di

intervenire sulla rete di sportelli, ancora troppo ampia, così come sui costi, sulla dimensione e sulla

tipologia degli organici. Per agevolare l’attuazione di questi interventi limitandone i costi economici

e sociali, agli strumenti ordinari di sostegno alla disoccupazione potrà essere affiancato l’utilizzo

delle risorse dei fondi di solidarietà per il credito.

L’intensità e la natura delle azioni mirate al recupero di efficienza devono riflettere le

esigenze di ciascun intermediario. All’obiettivo di una maggiore efficienza devono contribuire le

riforme degli assetti di governance, già definite o in dirittura di arrivo. La trasformazione delle

maggiori banche popolari in società per azioni, oltre a favorire assetti di governo più efficaci,

consente di realizzare operazioni di aggregazione, non imposte né dalla legge di riforma né dalle

autorità di vigilanza, ma fondate su logiche di mercato. Nell’ambito di questo processo potrà essere

avviato il rilancio di un ristretto numero di intermediari, ai quali prestiamo da tempo attenzione, ora

anche nella Vigilanza europea.

Il credito cooperativo, molto frammentato, è esposto a forti pressioni concorrenziali; ha

risentito pesantemente della prolungata fase di difficoltà economica del Paese. L’esigenza di una

significativa integrazione delle BCC, che richiamiamo da tempo, si è fatta più pressante. La riforma

in via di definizione, nel preservare la natura mutualistica dell’attività, potrà rafforzare la solidità

del sistema e migliorare gli assetti del governo societario.

                                                                            * * *

L’Italia sta uscendo da un periodo di recessione di intensità e durata eccezionali, più grave

della stessa depressione degli anni Trenta. La crisi ha messo a dura prova imprese e famiglie, ha

fatto impennare fallimenti e disoccupazione. Il sistema bancario, radicato nell’economia reale, ne ha

                                                                              12

subito l’urto violento. Pur colpito, si è retto sulle proprie gambe. Ora che gli indicatori mostrano

una congiuntura più favorevole, le banche devono mettersi in condizione di affrontare nel modo

migliore i rischi futuri.

In Europa la disciplina delle crisi bancarie è comune. Essa prevede una vasta gamma di

strumenti, alcuni mutuati dall’esperienza italiana, altri per noi nuovi. L’innovazione più radicale,

non solo in Italia, consiste nel porre obbligatoriamente il costo della crisi, in misura molto maggiore

che in passato, a carico di chi detiene strumenti di capitale e di debito emessi dalla banca.

L’interpretazione rigorosa di questo principio data dalla Commissione europea rende oggi di fatto

impossibile gestire la crisi di una banca con interventi del Fondo interbancario di tutela dei depositi

e del Fondo di garanzia dei depositanti del credito cooperativo, evitando il sacrificio degli

investitori, così come si è fatto in passato in Italia.

La nuova disciplina europea sulle crisi richiede, da un lato, di accrescere la consapevolezza

dei risparmiatori, come del resto abbiamo più volte sottolineato negli ultimi anni, dall’altro, di

garantire trasparenza e correttezza nella presentazione da parte delle banche delle opportunità di

investimento. L’esperienza dell’applicazione del burden sharing a quattro banche italiane ha

insegnato una lezione: che gli avvertimenti, per quanto ripetuti e inseriti in appositi documenti

informativi, da soli non bastano a prevenire rischi di reputazione e stabilità; né basta dire alle

banche che gli strumenti computabili nel patrimonio devono essere venduti solo a chi ne possa

compiutamente valutare i profili, a volte complessi, di rischio e rendimento.

Vanno presi in considerazione ulteriori interventi normativi, soprattutto per tenere conto

delle situazioni in cui i conflitti di interesse possono essere più pronunciati, come la vendita allo

sportello di strumenti complessi da parte delle stesse banche emittenti. Abbiamo avviato riflessioni

in merito insieme alle altre autorità interessate. Alle considerazioni sulla stabilità delle banche, che

rientrano nelle nostre competenze, si affiancano quelle, non meno fondamentali, di competenza

della Consob, che riguardano l’integrità del mercato e la correttezza dei comportamenti nei

confronti degli investitori.

Perché le norme a protezione degli investitori siano pienamente efficaci, è necessario che

questi ultimi siano in grado di sfruttare le informazioni ricevute e fare scelte consapevoli. Recenti

indagini internazionali hanno mostrato che le conoscenze in materia di finanza sono in Italia

particolarmente carenti. Bisogna investire nella conoscenza delle caratteristiche degli strumenti più

diffusi, nella comprensione di concetti fondamentali quali la nozione che a un maggior rendimento

corrisponde più rischio e che la concentrazione degli investimenti finanziari è sempre un azzardo.

La Banca d’Italia promuove da anni programmi di educazione finanziaria nelle scuole, basati sulla

                                                                                13

collaborazione volontaria di moltissimi insegnanti; sta cercando di realizzare un coordinamento con

altre analoghe iniziative pubbliche e private. Ma l’educazione finanziaria deve coinvolgere tutti;

è un problema da affrontare in via prioritaria.

Il flusso delle sofferenze bancarie, gonfiatosi negli anni della crisi, si sta gradualmente

riducendo. Si deve ora gestire l’eredità del passato. Sarà utile lo schema di garanzia appena

concordato con la Commissione europea per facilitare lo smobilizzo delle sofferenze. Con la

chiusura di questo capitolo e una decisa riduzione dell’incertezza il mercato potrà attivarsi. Ma

deve essere chiaro che nessun provvedimento ragionevolmente ipotizzabile può cancellare d’un

tratto la massa delle sofferenze del passato: esse vanno aggredite con determinazione da parte

delle banche, in una prospettiva di medio periodo. Non meno importante è che si continui a

lavorare sul piano normativo e organizzativo per migliorare le procedure di recupero dei crediti e

accorciarne i tempi, valutando gli effetti dei provvedimenti pubblici già assunti e, dove è

necessario, intervenendo ancora.

Le banche italiane sono ben patrimonializzate, anche grazie all’azione prudente e pressante

della Vigilanza italiana e, da più di un anno, di quella europea, nella quale siamo pienamente

inseriti. I crediti deteriorati sono ampiamente coperti da svalutazioni e garanzie. La congiuntura

favorisce una ripresa della redditività, per le banche come per le altre imprese. È il momento di

affrontare e ridurre con decisione i costi di struttura; di porre le basi per una crescita robusta, che

andrà a vantaggio delle banche stesse e del sistema economico nel suo complesso.

La fiducia è l’essenza della stabilità bancaria. In un momento in cui la congiuntura resta

favorevole, ma l’incertezza e la volatilità dei mercati si accentuano, il modo migliore di rafforzarla

è mostrare chiarezza di intenti e senso di direzione nelle azioni che si intraprendono. È un obiettivo

interamente alla nostra portata: purché ci sia uno sforzo congiunto, che coinvolga banche, autorità

di vigilanza e di controllo, Governo. Si può contare sul nostro impegno.

 

*********

Fonte: sito della Banca d'Italia